domenica 21 maggio 2017

Il diario segreto di Laura Palmer - Jennifer Lynch


Titolo: Il diario segreto di Laura Palmer

Titolo originale: The Secret Diary of Laura Palmer

Autore: Jennifer Lynch

Anno: 1990

Voto: 2,5/5


giovedì 18 maggio 2017

"Guardiani della Galassia Vol. 2" di James Gunn


Titolo: Guardiani della Galassia Vol. 2

Titolo originale: Guardians of the Galaxy Vol. 2

Un film di James Gunn con Chris Pratt, Zoe Saldana, Bradley Cooper, Dave Bautista, Michael Rooker, Kurt Russell

Genere: azione, fantascienza, avventura, supereroi

Durata: 136 min

Anno: 2017

Voto: 3,5/5


lunedì 15 maggio 2017

sabato 13 maggio 2017

Tra schermo e realtà #8 - Le follie di Marie Antoinette

Si viaggia indietro di qualche secolo per questa nuova puntata di Tra schermo e realtà!

Le follie di Marie Antoinette
"Tutto questo, madame, è Versailles"
Seconda metà del XVIII secolo, Francia. Nell'intera Europa si iniziano a percepire i primi venti di cambiamento, gli stessi che, alimentati anno dopo anno, crearono i presupposti e le motivazioni del secolo seguente. Ripensando a questa epoca è impossibile non avere chiare in mente due immagini: da una parte quella sfavillante e accecante dell'aristocrazia, dall'altra l'agguerrita rivoluzione francese che mise in crisi l'Ancien Regime. La prima può essere ben rappresentata dalla lussuosa Versailles. La seconda, invece, dalla Bastiglia messa a ferro e fuoco. Due immagini agli antipodi ma strettamente connesse fra loro.

Genere: drammatico, storico, biografico
Anno: 2006
Tra le figure più rappresentative di tutti i contrasti e contraddizioni di questo periodo vi è senza dubbio Maria Antonietta d'Asburgo-Lorena, arciduchessa d'Austria prima e discussa regina di Francia poi. Sofia Coppola nel 2006 con Marie Antoinette porta sul grande schermo quella che, nel bene e nel male, è un'icona della storia ripercorrendo e rielaborando in chiave pop i passaggi più importanti della vita di questa sovrana. Il film risulta diviso in due parti. La prima racconta il trasferimento a Versailles di una giovanissima Marie, appena tredicenne, promessa sposa a Luigi il Delfino di Francia. La seconda dipinge gli sfarzi e gli eccessi di una protagonista che si confronta con la nobiltà francese, con la sua famiglia e con la sua inevitabile rovina.
Il tutto viene amalgamato con una colonna sonora insolita capace di spaziare dal rock dei The Strokes fino al clavicembalo barocco di Domenico Scarlatti: il gioco di contrasti si riflette anche in questa confezione accattivante che, nel suo anacronismo, cattura sin dal primo istante, trasportando lo spettatore in un turbinio di assurde routine e decisioni che hanno segnato la permanenza a Versailles di Maria Antonietta dal 1770.

Per mille motivi questo film si può dire poco accurato a livello storico: oltre alle sopracitate scelte musicali - che personalmente trovo un dei geniali punti di forza -, il film spesso tratta con leggerezza alcuni aspetti della vita di Antonietta. La relazione clandestina con l'affascinante conte Von Fersen viene trattata con fin troppa leggerezza: nella realtà il legame fra i due è stato qualcosa di ben più solido, durato fino agli ultimi giorni della regina. Inoltre, la rivoluzione francese, evento cardine della storia, si manifesta in maniera poco approfondita sul finale, penalizzando forse la contestualizzazione del film.
Le forze di questa pellicola, però, sono da ricercare proprio in queste imperfezioni e in un'incredibile attrice protagonista: come sarebbe stato questo film senza Kirsten Dunst? Le sue espressioni incarnano perfettamente la situazione di malinconia e irrequietezza di una ragazza in un mondo estraneo e pongono lo spettatore nella difficile quanto irresistibile condizione in cui è indeciso tra compatirla, per gli sfarzi vuoti volti a riempire la sua solitudine, oppure schiaffeggiarla per la sua insolenza e arrogante ingenuità. Compito sicuramente non semplice.

Al fianco di una figura così "ingombrante" vi è l'uomo - o meglio - il ragazzo costretto a vestire i panni del re Luigi XVI, su cui gravano le aspettative di Versailles per una discendenza gloriosa ma non quelle di un popolo in rivolta che irrompe violentemente con insofferenza solamente sul finale del film. Quel geniaccio di Jason Schwartzmann, con grande ironia, porta in vita un sovrano quasi inetto, sopraffatto dalle responsabilità e dalla routine imposte dal suo ruolo. Tutto questo è proprio l'essenza di Versailles e ogni inquadratura, ogni frase o splendido costume curato da Milena Canonero - che si è aggiudicata un Oscar per questo lavoro - lo ricordano ossessivamente.

Consiglio a tutti di dare una possibilità a questo film, spesso fin troppo criticato, che ha senza dubbio il merito di distaccarsi dai classici modelli preconfezionati di bio-pic, azzardando addirittura tinte teen che potrebbero conquistarvi oppure farvi storcere il naso. Questa visione? Un rischio che vale la pena correre!

Voto: 3,5/5



mercoledì 10 maggio 2017

Cinema2Day Maggio - 1,2,3 Consigli per l'uso


Sentiremo la mancanza di Cinema2Day? Criticata o amata, questa iniziativa senza dubbio ha avuto il merito di far parlare, seppur a modo suo, di cinema e di film gustati sul grande schermo. Numerosi sia i pregi che i difetti: se da una parte ha aperto le sale cinematografiche ad un pubblico numeroso, dall'altra ha, involontariamente, evidenziato l'esistenza di una forte componente poco "educata" all'esperienza cinematografica.
Questo mercoledì salutiamo l'evento: sarà un addio, sarà un arrivederci? Voi cosa ne pensate? Lasciate un commento qui sotto dopo i tre consigli per questo ultimo appuntamento.

Per maggiori info sull'evento.


Personaggi divertenti capaci di entrare subito nel cuore degli spettatori al ritmo di irresistibili brani Seventies: questo mix è stato la grande forza del primo cine-comic firmato dall'eccentrico James Gunn che ora torna al cinema con gli strambi protagonisti de I Guardiani della Galassia Vol.2. Anche questa volta, questa storia capace di unire leggerezza ad emozioni non troppo scontate riesce a distinguersi da buona parte dei prodotti fumettosi in circolazione, riuscendo a mantenere una sua identità e un valido segno distintivo. In questo caso prima vi consiglio di recuperare il primo capitolo dedicato a questi strampalati eroi galattici.

--------


Emma Watson periodicamente torna in questa rubrica mensile. L'avevamo lasciata nelle vesti canterine e ballerine di Belle nell'ultimo live-action Disney e ora la ritroviamo nei panni di una preparata informatica assunta da una prestigiosa quanto ambigua azienda di telecomunicazioni. Si parla di privacy e libertà dell'individuo nel thriller diretto da James Ponsoldt che l'anno scorso abbiamo visto alla regia del bel The End of the Tour. Nel cast di The Circle, tratto dall'omonimo romanzo di Dave Eggers, anche Tom Hanks: un pregio o un difetto? Secondo me qualcosa a metà fra le due condizioni. Consigliato senza troppo impegno.

--------


Il terzetto di consigli di questo mese si conclude con un titolo che non figura ancora nella mia watchlist ma che molti amici affidabili - cinematograficamente parlando - mi hanno vivamente suggerito. Il cast all-star, come sempre, suscita comprensibile curiosità mista a sospetto intorno a Codice Unlocked: la classica fregatura bella e confezionata potrebbe essere pronta dietro l'angolo. Le tematiche, terrorismo e sicurezza, sono scottanti e decisamente attuali: saranno state rielaborate in maniera originale e interessante? Vedremo, insomma.