Passa ai contenuti principali

In primo piano

"The Card Counter" di Paul Schrader

  Titolo: The Card Counter Titolo italiano: Il collezionista di carte Un film di Paul Schrader con Oscar Isaac, Tiffany Haddish, Tye Sheridan, Willem Dafoe Genere: drammatico, thriller Durata: 112 min Anno: 2021 Voto: 4/5 ⭐ ⭐ ⭐ ⭐    Scommettere poco e vincere "quanto basta" è la filosofia di gioco di William Tell (Oscar Isaac), misterioso frequentatore dei tavoli dei casino americani. Indecifrabile e dal basso profilo, l'uomo rifugge sempre le luci della ribalta o la troppa attenzione portata dai tornei nazionali: ha un passato oscuro che lo ha abituato a vivere nell'ombra. L'incontro con Cirk Baufort (Tye Sheridan) porterà nuovamente alla luce ricordi e dinamiche del passato di William costringendolo a rimettere in discussione un passato ormai archiviato, mettendosi in gioco in una serie di tornei con l'aiuto di La Linda (Tiffany Haddish). A quattro anni da First Reformed , Paul Schrader torna sulla scena cinematografica internazionale proprio come il su

Reservation Dogs [stagione 1]

 

Titolo: Reservation Dogs

Cast: Devery Jacobs, D'Pharaoh Woon-A-Tai, Lane Factor, Paulina Alexis

Genere: commedia drammatica

Episodi: 8

Voto: 3/5

 

Bear, Elora, Cheese e Willie sono quattro ragazzi nativi americani dell'Oklahoma orientale che vivono la loro quotidianità tra piccoli furti con il sogno di trasferirsi in California allontanandosi dalla riserva in cui sono cresciuti e hanno sempre vissuto. L'ombra di un recente lutto e l'arrivo di una nuova gang agguerrita in zona spingeranno i ragazzi a rimettersi in discussioni tra incontri cruciali e riflessioni su quelli che sono davvero i loro piani per il futuro e per la loro vita.

Reservation Dogs - Cast 1

Non è un segreto che chi scrive queste righe abbia seri problemi con la creatività firmata Taika Waititi. L'autore neozelandese, che negli ultimi anni si è affermato come uno dei nomi di maggiore prestigio sulla scena internazionale, ha conquistato Oscar e riconoscimenti di ogni tipo ma da queste parti continua a lasciare qualche perplessità con le sue incursioni costantemente sopra le righe tra vari prodotti multimediali. Il suo intervento in una serie televisiva come Reservation Dogs in qualità di ideatore, tuttavia, era senza dubbio curiosa, soprattutto nell'esplorare nuove modalità di rappresentazione sullo schermo di comunità che raramente trovano spazio. La serie, inoltre, non si è limitata a cambiare le carte in gioco sullo schermo ma anche dietro le quinte, coinvolgendo nella crew tecnica esperti di spicco nativi americani. Lo show, alla fine, ha rispettato le sue promesse riuscendo anche a garantire un buon intrattenimento?

Reservation Dogs - Cast

Indubbiamente, Reservation Dogs fornisce interessanti spunti di riflessione sull'attualità e sulla società statunitense, ponendo soprattutto l'accento sui concetti e le interpretazioni di famiglia, tradizione ed eredità soprattutto in una comunità che porta nella sua storia i segni di tutte le contraddizioni di un'intera nazione. In questa ottica, lo show riesce a veicolare tutte queste intenzioni attraverso un'ottima scrittura dei suoi personaggi, mai pedante o boriosa, bensì intrigante nello svelare lati inediti e divertiti degli stessi. Dal punto di vista del puro intrattenimento, essenziale per supportare sulla lunga durata una serie, tuttavia non si può definire la produzione come completamente riuscita. La forte indecisione nel coniugare trama verticale e orizzontale e un ritmo discontinuo non permette mai davvero di entrare in sintonia nella storia nel suo complesso ma solo con singoli personaggi. In particolare, un finale estremamente confuso e frettoloso lascia un po' di amaro in bocca per una serie interessante ma mai davvero memorabile.

Segui Stories su FacebookTwitterInstagramTelegram

Commenti

  1. Devo ammettere che non mi ha mai veramente ispirato, nonostante il coinvolgimento di Waititi (che a me, invece, di solito piace).
    Forse ho fatto bene a lasciar perdere: nonostante le tematiche interessanti, non sembra la serie per me :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che è la classica serie che non è "né carne né pesce" e che finisce per bruciare tutto il suo potenziale in una narrazione piuttosto canonica senza mai davvero brillare!

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.