In primo piano

"Chi-Raq" di Spike Lee


Chi-Raq - Poster

Titolo: Chi-Raq

Un film di Spike Lee con Nick Cannon, Wesley Snipes, Teyonah Parris, Jennifer Hudson, Samuel L. Jackson, John Cusak, Angela Bassett

Genere: musical, commedia, drammatico

Durata: 118 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2015

Voto: 3/5


Chi-Raq 3/5

Spike Lee lascia momentaneamente alle spalle la sua amata Brooklyn che spesso fa da sfondo alle vicende dei suoi film e si avventura nella zona sud di Chicago. Proprio a causa dell’altissimo tasso di criminalità, questa area viene chiamata Chi-Raq dai suoi abitanti, la cui maggioranza è parte della locale comunità afroamericana. Le sanguinose risse e le guerre tra gang sono all’ordine del giorno e lasciano per le strade di ogni quartiere morti spesso estranei ai conflitti. Come fermare questa escalation di violenze? La fidanzata del capo di una delle gang del posto sembra aver trovato la soluzione: cercherà di coinvolgere tutte le ragazze della zona in uno sciopero del sesso che durerà fino a quando questa guerra smetterà di versare sangue nelle strade di Chicago.



Chi-Raq, primo film originale Amazon in assoluto, è forse il titolo più audace ed eccentrico dell’intera filmografia di Spike Lee. Si tratta di una pellicola così radicata nella sua ambientazione di un quartiere metropolitano statunitense da rischiare spesso di essere fine troppo faticosa fuori dal contesto. Insieme a un cast che, pur includendo grandi nomi come John Cusack, Jennifer Hudson e Samuel L. Jackson, è capitanato da volti sconosciuti, il regista di Do The Right Thing trova la sua chiave musical per interpretare e adattare ai temi del terzo millennio la Lisistrata di Aristofane.

Il film - rigorosamente da gustare in lingua originale - sfrutta ogni potenzialità - dalla musica hip hip ai colori, dalle scene esplicite ai dialoghi in rima - per raccontare con finta frivolezza drammi contemporanei senza risparmiare alcun colpo. Questa scelta di assoluta privazione di limiti nella messa in scena comporta in alcuni passaggi alcune imperfezioni oppure svolte al limite del (volutamente) grottesco. Nonostante questo, però, il film si rivela un titolo raro ed estremamente sperimentale.

Commenti

  1. La storia ispirata all'antichità mi aveva intrigato, ma è ancora l'unico film di Lee che mi manca, dovrò recuperarlo per forza ;-) Cheers

    RispondiElimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.