Passa ai contenuti principali

In primo piano

Riverdale [stagione 3]

Titolo: Riverdale
Cast: KJ Apa, Lili Reinhart, Camila Mendes, Cole Sprouse, Marisol Nichols, Madelaine Petsch
Genere: teen drama, thriller
Stagione: 3
Episodi: 22
Voto: 2,5/5

La vita a Riverdale, dopo un omicidio sconvolgente e la cattura di un serial killer incappucciato, non è tornata alla normalità. Forse, però, è proprio questa la normalità di questa cittadina di provincia a stelle e strisce. La storia continua allora con nuovi misteri, nuovi personaggi e nuovi intrecci. Non esattamente. Le inquietudini e i segreti dei ragazzi di Riverdale, tuttavia, sono una costante in 22 episodi che hanno accompagnato il pubblico di appassionati per una lunga e insolita stagione.

Riverdale è una delle serie più seguite del momento. La prima stagione, con il suo mix tra teen drama più guilty e mistero à la Laura Palmer, aveva saputo colpire l'obiettivo. La stagione successiva, tuttavia, ha iniziato a dare qualche segno di cedimento con svolte meno convincenti e un puzzle di misteri non proprio riu…

"Uomini veri" di Philip Kaufman | Luna... e oltre l'infinito!

Uomini veri - Poster

Titolo: Uomini veri

Titolo originale: The Right Stuff

Un film di Philip Kaufman con Sam Shepard, Scott Glenn, Ed Harris, Dennis Quaid

Genere: drammatico, storico

Durata: 193 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 1983

Voto: 4/5

4

Grandi imprese non si compiono mai senza grandi sacrifici di tempo, di piaceri e, a volte, anche di vite. Lo sanno bene le famiglie di decine e decine di piloti americani che tra gli anni Cinquanta e Sessanta hanno perso la vita nelle numerose missioni volte ad infrangere barriere, sia quella del suono che quella dei limiti tecnologici. Nasce così il progetto Mercury della NASA, ambiziosissima operazione intenzionata a portare un uomo nello spazio prima degli acerrimi rivali sovietici nel pieno della Guerra Fredda.

Uomini veri - Opening
Fonte: DogoMovies
La Storia insegna che le cose non sono andate esattamente come previsto. Uomini veri, film del 1983 di Philip Kaufman, tuttavia, scegli di raccontare proprio gli essenziali tentativi ed errori di un'intera nazione e, nello specifico, della NASA per compiere il sogno più grande di sempre: arrivare sulla Luna. I grandi racconti tramandano di generazione in generazione l'eroismo, il coraggio e i grandi successi delle missioni riuscite passate, appunto, alla storia. La pellicola allora diventa un inno non al coraggio bensì a quella sensazione al limite tra ambizione e sconsideratezza, una zona grigia sottilissima e difficile da definire. All'alba dei più grandi sogni della conquista dello spazio, tutto questo, con ogni sfumatura delle sua precarietà, è sotto le luci dei riflettori. Non più segretezza o criptiche operazioni per mettere a tacere fallimenti ma programmi mediatici in grado di mostrare ogni minimo dettaglio.

Questa pellicola riesce a raccontare ogni aspetto di quanto evidenziato in precedenza grazie ad una straordinaria capacità nel narrare un viaggio collettivo preservando le singole voci. In questo modo i sette astronauti del progetto Mercury - da un ottimo Ed Harris ad un giovane Dennis Quaid, senza dimenticare la figura silenziosa di Sam Shepard nei panni di Chuck Yeager - trovano un tono preciso, delle caratteristiche ben distinguibili che ben rappresentano l'incontro-scontro di caratteri e personalità.

Uomini veri - Ed Harris
Fonte: Fantascienza Italia
La durata di tre ore potrebbe intimorire. Un insolito e brillante mix di dramma, ironia e pure un pizzico di sarcasmo nei confronti di un programma spaziale segnato sempre da forti incongruenze e ombre, tuttavia, riesce a catturare l'attenzione sin dai primi minuti portando il pubblico al fianco di questi pionieri anche nelle anguste e poco rassicuranti capsule di lancio. Con queste mille sfumature, il film diventa definitivamente un racconto costruito sulle fragilità ma soprattutto sulla consapevolezza di non essere infallibili. Certo, una piccola dose di fortuna oppure una banale coincidenza possono essere cruciali ma, senza alcun dubbio, la vera differenza è stato fatta dalla più imperfetta umanità.

Fede Stories.

Segui Stories su FacebookTwitterInstagramTelegram

Questo post speciale è parte dell'iniziativa dei colleghi blogger per il cinquantesimo anniversario dello sbarco dell'uomo sulla Luna. Ecco tutti gli appuntamenti cinefili dell'evento Luna… e oltre l'infinito!

Luna... e oltre l'infinito!

La Bara VolanteCapricorn One
La Fabbrica dei SogniMission to Mars
Il Bollalmanacco di CinemaEuropa Report
The Obsidian MirrorPreludio allo spazio
Non c'è paragoneSunshine
Director's CultMoon
Il ZinefiloStazione Luna
Non quel MarloweIl finto sbarco lunare
Gli Archivi di UrukPrimi sulla Luna!
30 anni di AliensLa Luna nell'universo alieno
Il CitaScacchiScacchi verso la Luna
IPMP: Locandine italiane d'annataStazione Luna
SOLARISContact
DeliriaMoon


Commenti

  1. Questo film non sono mai riuscito a vederlo, anche se vorrei farlo da tempo, bella recensione per questa occasione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alfonso, grazie per essere passato! Io lo riscoprii per caso l'anno scorso in un articolo a tema sui film che avevano a che fare con la conquista dello spazio :)

      Elimina
  2. Non me ne voglia nessuno degli altri colleghi, ma inizia a leggere i post a tema da te, perché per me "Right Stuff" é un pezzettoni di cuore. Mettiamola così, lo sfoggio di mascolinità e di "americanicità" (chiedo scusa per il termine) non è quasi mai qualcosa di positivo, questo film è yankee fino al midollo e gronda testosterone, però lo fa come hai prontamente sottolineato, con giuste dosi di umorismo, coinvolgendo senza risultare troppo arrogante. Le tre ore fanno paura ma volano via, ogni volta che vado a rivederlo, arrivo all'ultimo scena e dico: No! Già finito?! (storia vera). Sam Shepard nei panni di Chuck Yeager vince tutto, questo è un film da cui registi famosi hanno pescato a piene mani (Bay, Emmerich e non solo) ma in pochi sanno che inizia tutto con questo film, per me grandissima scelta per questa giornata a tema ;-) Cheers!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, hai proprio colto il punto della questione: un film che sulla carta sembra semplicemente essere l'ennesimo elogio in celluloide delle avventure gloriose tutte a stelle e strisce diventa in realtà qualcosa di completamente diverso sul grande schermo…. fortunatamente :)

      Elimina
  3. Non me ne voglia nessuno degli altri colleghi, ma inizia a leggere i post a tema da te, perché sei il primo dell'elenco che mi hanno passato. Mi piacerebbe poter aggiungere qualcosa, ma il film non solo non l'ho visto, ma ne ignoravo persino l'esistenza. Tre ore possono anche intimorire, ma ne ho visti anche di più lunghi senza batter ciglio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tre ore di film son sempre un'incognita… in questo caso fortunatamente tutto scorre davvero liscio - incidenti degli astronauti a parte, chiaramente - e non si percepisce mai, ma davvero mai, la sensazione di una durata troppo lunga. Miracoli di una storia (vera) appassionante e coinvolgente ;)

      Elimina
  4. Non me ne voglia nessuno degli altri colleghi, ma.. boh, forse c'è un accordo segreto per iniziare i commenti così. :-) So che si tratta di un caposaldo del genere, ma devo ammettere la mia ignoranza, anche in questo caso. Shame on me. Questa bella iniziativa mi è servita anche ad appuntarmi titoli da recuperare al più presto: Uomini Veri e Capricorn One su tutti.

    RispondiElimina
  5. Uno dei pochi, pochissimi film "critici" sulla conquista dello spazio, uscito in pieno reaganismo (e certo non ebbe vita facile). In questo senso, un precursore. Mi è sempre piaciuto molto, sia per l'argomento che per la qualità intrinseca del film. Grazie per aver partecipato all'iniziativa e averlo riportato "a galla" :)

    RispondiElimina
  6. Bel blog e bel coraggio nel vedere 193 minuti di film, io ormai ho i neuroni sfatti e non reggo più di mezz'ora! XD

    RispondiElimina
  7. Mai sentito nominare, NON complimenti a me ç_ç

    RispondiElimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.