Passa ai contenuti principali

In primo piano

Game of Thrones [stagione 8]

Titolo: Game of Thrones
Cast: Kit Harington, Emilia Clarke, Sophie Turner, Lena Headey, Nikolaj Coster-Waldau, Peter Dinklage
Genere: fantasy
Stagione: 8
Episodi: 6
Voto: 2/5

"Codice criminale" di Adam Smith

Codice criminale

Titolo: Codice criminale

Titolo originale: Trespass Against Us

Un film di Adam Smith con Michael Fassbender, Brendan Gleeson, Lindsey Marshal, Georgie Smith, Rory Kinnear, Killian Scott, Sean Harris

Genere: drammatico, thriller, poliziesco

Durata:
99 min

Ambientazione:
Irlanda

Anno:
2016

Voto: 2,5/5


2 e mezzo



Con un'amorevole compagna di vita e un adorato figlio, Chad Cutler (Michael Fassbender) pensa ad un futuro con la sua giovane famiglia a base di solidità e sani valori. Il clan dei Cutler, capitanato da Colby (Brendan Gleeson), però, non ha intenzione di cambiare delle lunghe tradizioni condite da illegalità, tra corse clandestine e rapine a mano armata. I desideri di Chad, quindi, si scontrano violentemente con i piani del padre, deluso dai rimorsi e dai rancori del figlio. Uno scontro generazionale e una ricerca del proprio posto nella società.

Michael Fassbender
Fonte: Cinema Vine
Adam Smith esordisce alla regia con un film che si avventura tra le pieghe più complesse e dimenticate della società britannica. Con Codice Criminale, il regista inglese racconta una storia di emarginati, di esclusi che solo con forti legami familiari riescono a trovare il loro scopo, il loro obiettivo di vita. Sì, la tematica non è tra le più originali e, a scatola chiusa, sembra avere un retrogusto inflazionato. Superata questa sensazione iniziale, però, è difficile resistere alla curiosità di vedere in scena due ottimi interpreti come Michael Fassbender e Brendan Gleeson, attori che, se in sintonia, potrebbero valere da soli la visione. Proprio a loro viene affidato il fulcro della storia: lo scontro-incontro tra padre e figlio.

Ebbene sì. Le interpretazioni dei due attori irlandesi sono valide e soddisfacenti. Tuttavia il loro impegno - e i relativi risultati sul grande schermo - non bastano a cambiare il destino di una pellicola che ha un unico ma fatale difetto: è terribilmente priva di un'impronta riconoscibile, di una voce propria in grado di distinguersi in mezzo al coro. Insomma, la visione scivola via senza troppi intoppi grazie a personaggi sufficientemente approfonditi e sviluppi abbastanza solidi. Eppure... pur non riscontrando, all'apparenza, grossi problemi, già a pochi minuti dalla conclusione del film ci si sorprende completamente disinteressati, distanti dai personaggi e da una storia incapace di instaurare un vero legame con lo spettatore. Così, senza troppo rumore, questo esordio finisce dritto nel dimenticatoio della mediocrità.

Fede Stories.

Per saperne di più:


Commenti

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.