giovedì 22 marzo 2018

Watchmen - Alan Moore, Dave Gibbons, John Higgins

Watchmen

Titolo: Watchmen

Testi: Alan Moore

Disegni: Dave Gibbons, John Higgins

Anno: 1986-7

Voto: 4/5

voto voto voto voto


In un 1985 in cui gli Stati Uniti hanno vittoriosamente posto fine al conflitto in Vietnam, Nixon ha alloggiato alla Casa Bianca per 5 mandati da presidente e i supereroi, paladini della giustizia, hanno costituito un punto di riferimento per un'intera società in balia di una degenerazione incontrollata a livello umano. I tempi d'oro di questi ultimi, però, sono finiti: le loro capacità e, soprattutto, la loro influenza sono diventate così ingombranti da portare alla firma di un decreto che li rendesse dei fuorilegge. La morte violenta de Il Comico, il più controverso tra i vigilanti mascherati, darà il via ad un'investigazione dalle tinte cupe che non promette nulla di buono.

Rorschach

Ah, che meraviglia la carta stampata! Quando si pensa di avere un'idea di buona parte delle sue metamorfosi, ecco che prontamente si palesa un volume capace di sconvolgere piani e certezze. Attenzione: quando, sfogliata l'ultima pagina, si prova proprio questa sensazione di stordimento, la lettura ha centrato il suo obiettivo, ha cambiato i giochi e ha lasciato l'impavido lettore senza riferimenti. Watchmen è stato questo per la sottoscritta. Descriverlo come un semplice fumetto è riduttivo ma questo è già stato detto. Dopotutto, se si digita Watchmen su qualsiasi motore di ricerca si otterranno migliaia di risultati e di interpretazioni. Le pagine di questo piccolo grande esperimento cartaceo, però, non hanno un'univoca chiave di lettura ed è proprio questo il bello: ogni lettore vive la sua unica e personalissima esperienza.

Poche altre letture riescono a coinvolgere e sconvolgere come questa. Ad ogni capitolo cresce la curiosità e la necessità di sfogliare quanto già letto per cogliere nuovi dettagli, piccole sfumature che assumono gradualmente più significati e maggiore importanza nello svelare misteri e segreti. Sì, questo libro è un'indagine tra diversi generi, tra forme espressive agli antipodi e, soprattutto, tra sentimenti e inquietudini che, nel bene e nel male, accomunano ognuno di noi. In questo incredibile viaggio, il lettore è accompagnato da personaggi disorientati ma umani, concreti con le loro ansie e angosce che, senza troppi eccessi, inquadrano alla perfezione un'intera epoca.

Fede Stories.

12 commenti:

  1. Una pietra miliare che ha rivoluzionato un intero genere, la prosa di Moore vola e Gibbons fa un lavoro certosino con la griglia a nove vignette per pagina. Adoro la tua capacità di sintesi, hai centrato il punto, io non sarei mai in grado di scrivere di questo fumetto come hai fatto tu, mi perderei in una dichiarazione d’amore ;-) Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho cercato al mio meglio di riuscire a catturare le impressioni a caldo dopo la lettura. Su Watchmen si è detto moltissimo e, girovagando sul web e su GoodReads, ho letto moltissime interpretazioni, dalle più personali alle più fantasiose. Senza dubbio una lettura insolita e, ad oggi per me, con pochi pari. Felice sia piaciuta la mia sintesi :D

      Elimina
  2. Davvero un capolavoro, conservo gelosamente la mega-copia rilegata inglese, acquistata dopo aver visto l'adattamento cinematografico di Snyder!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora visto il film di Snyder, regista con cui, lo ammetto, non ho particolari problemi. Ho scelto questa lettura su consiglio di un amico che, per anni, me ne ha tessuto le lodi: non sono rimasta delusa dalle aspettative :)

      Elimina
  3. Una storia che è iconica anche e soprattutto per il momento storico e fumettistico di allora, come sottolinei.
    Una fumetto che ha mostrato l'altra faccia dei supereroi, una critica alle golden age... da lì tutto è cambiato^^

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! La bellezza di questo fumetto è la sua capacità di essere letto con più prospettive: criptico ma sempre efficace :)

      Elimina
  4. Grandissimo capolavoro, ma con un finale abbastanza discutibile, secondo me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, inizialmente anche a me il finale ha lasciato qualche perplessità.. Ripensandoci, però, è una 'conclusione' abbastanza in linea con le sensazioni di inquietudine e incertezza che fanno da sfondo a tutta la storia :D

      Elimina
  5. Ce l'ho pronto per la lettura, appena l'avrò finito ne parlerò anch'io!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande! Attendo un tuo post sul blog allora :)

      Elimina
  6. Di tutte le opere di Moore, è quella che preferisco. Watchmen è durissimo, ma ti rimane impresso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, è un pugno nello stomaco che rimane ben impresso nella mente. Ho in mente di rispolverare altri titoli di Moore prossimamente :)

      Elimina