Passa ai contenuti principali

In primo piano

Killing Eve [stagione 2]

Titolo: Killing Eve
Cast: Sandra Oh, Jodie Comer, Fiona Shaw, Darren Boyd, Owen McDonnell
Genere: drammatico, spionaggio, dark comedy 
Stagione: 2
Episodi: 8
Voto: 4,5/5


"L'uomo di neve" di Tomas Alfredson

L'uomo di neve

Titolo: L'uomo di neve

Titolo originale: The Snowman

Un film di Tomas Alfredson con Michael Fassbender, Rebecca Ferguson, Jonas Karlsson, Charlotte Gainsbourg, Val Kilmer, J.K. Simmons, David Dencik

Genere: drammatico, thriller, giallo

Durata: 119 min

Ambientazione: Norvegia

Anno: 2017

Voto: 2,5/5

2 e mezzo


La giovinezza di un ragazzo viene irrimediabilmente segnata dall'abbandono del padre e dal tragico suicidio della madre, troppo fragile per poter crescere da sola un figlio. Diversi anni dopo, il tormentato detective Harry Hole (Michael Fassbender) è costretto a trovare un punto di equilibrio, seppur precario, tra la sua vita privata segnata da alti e bassi e il suo lavoro. Proprio quest'ultimo gli propone una nuova complessa sfida, un vero e proprio enigma da risolvere che potrebbe mettere in discussione ogni sua convinzione e legame: uno spietato assassino sembra essere tornato in piena attività. Sarà inevitabile un faccia a faccia con un crudele serial killer la cui macabra firma è costituita dalla decapitazione delle vittime e dalla presenza di un inquietante pupazzo di neve.

Una scena del film

Arriva sul grande schermo un'altra fortunata creatura del mondo cartaceo del thriller nordeuropeo: Harry Hole, protagonista di ben 11 romanzi firmati dal norvegese Jo Nesbo, ha ora il volto e la statura di Michael Fassbender. L'attore irlandese - particolarmente apprezzato da queste parti - porta in scena una figura complessa, taciturna ma estremamente limpida e lucida nelle sue azioni e nella sua filosofia. Impulsivo e testardo, si lascia spesso guidare da un mix di emozioni e intuizioni, senza sottrarsi a pericolosi confronti sul campo. E' lui l'unico aspetto veramente riuscito di questa pellicola che, nonostante le sue intriganti peculiarità, non riesce a lasciare il segno.

Serve chiarire subito che L'uomo di neve con le sue due ore di durata risulta essere un prodotto godibile e consigliato soprattutto agli amanti del genere nonostante il suo ritmo fortemente altalenante. Il suo più grosso problema, però, risiede nella sua scelta di una sceneggiatura - sì, maneggiata e rimaneggiata - che incoerente nelle sue intenzioni. Nello svolgersi della storia, infatti, vengono disseminati puntigliosamente innumerevoli temi che, nella seconda parte della narrazione, o vengono ignorati oppure trovano rapidi sviluppi in un'altrettanto sbrigativa conclusione che distoglie l'attenzione da quanto è stato ben costruito in precedenza. Non bastano, quindi, interpretazioni discrete e location affascinanti a migliorare il triste destino di un film che non trova il suo posto nel già agguerrito e spietato universo del thriller, scandinavo e non.

Fede Stories.

Commenti

  1. Dovrei vederlo ma, nonostante Fassbender, la voglia è poca...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il buon Michael ha attirato pure me al cinema ma con scarsi risultati, come puoi leggere :(

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.