Passa ai contenuti principali

In primo piano

Riverdale [stagione 3]

Titolo: Riverdale
Cast: KJ Apa, Lili Reinhart, Camila Mendes, Cole Sprouse, Marisol Nichols, Madelaine Petsch
Genere: teen drama, thriller
Stagione: 3
Episodi: 22
Voto: 2,5/5

La vita a Riverdale, dopo un omicidio sconvolgente e la cattura di un serial killer incappucciato, non è tornata alla normalità. Forse, però, è proprio questa la normalità di questa cittadina di provincia a stelle e strisce. La storia continua allora con nuovi misteri, nuovi personaggi e nuovi intrecci. Non esattamente. Le inquietudini e i segreti dei ragazzi di Riverdale, tuttavia, sono una costante in 22 episodi che hanno accompagnato il pubblico di appassionati per una lunga e insolita stagione.

Riverdale è una delle serie più seguite del momento. La prima stagione, con il suo mix tra teen drama più guilty e mistero à la Laura Palmer, aveva saputo colpire l'obiettivo. La stagione successiva, tuttavia, ha iniziato a dare qualche segno di cedimento con svolte meno convincenti e un puzzle di misteri non proprio riu…

"Mudbound" di Dee Rees

Mudbound

Titolo: Mudbound

Un film di Dee Rees con Carey Mulligan, Jason Clarke, Jason Mitchell, Mary J. Blige, Rob Morgan, Jonathan Banks, Garrett Hedlund

Genere: drammatico

Durata: 134 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2017

Voto: 4/5

4

- All'8° posto della Top 10 Movies del 2017 -

A cavallo tra gli anni Trenta e Quaranta si susseguono i turbolenti eventi che vedono protagonista la famiglia McAllan. Dopo il matrimonio con il burbero Henry (Jason Clarke), Laura (Carey Mulligan) abbandona l'amata professione di insegnante e le comodità di Memphis per assecondare il sogno del marito di avere una fattoria. Con figlie e invadente suocero al seguito, si trasferisce quindi nel fangoso Mississipi ma la sfortuna è dietro l'angolo. Nel frattempo è scoppiato il secondo conflitto mondiale, un evento che sconvolgerà sia i McAllan, con la chiamata alle armi del fratello di Henry (Garrett Hedlund), che la vicina famiglia nera dei Jackson, desiderosi di riscattare la terra lavorata da anni tra mille fatiche e sacrifici. L'incontro tra queste due sfere di emozioni e speranze saprà inquadrare un'epoca.

Una scena del film

Terre desolate, tinte sporche, Carey Mulligan e Jason Clarke: no, non è la Valley of Ashes gatsbyana di Baz Luhrmann. In Mudbound non ci sono polvere e cenere bensì fango, un fango che sporca le mani di tutti i protagonisti, che confonde ogni limite e inghiotte ogni sogno. Al quarto lungometraggio, la regista Dee Rees porta sul "grande" schermo - ridotto con la complicità di Netflix - il romanzo Fiori nel fango di Hillary Jordan e, attraverso la periferia rurale e razzista dell'immediato secondo dopoguerra, racconta ipocrisie e ferite di una società ancora estremamente attuale. Il lavoro della cineasta afroamericana poteva essere solo uno dei molti titoli sul tema degli scontri/confronti razziali negli Stati Uniti. Tuttavia, la pellicola ha il grande pregio del saper raccontare e intrecciare voci differenti in un unico e potente coro capace di colpire dritto allo stomaco dello spettatore.

Il rischio di ricadere nel melodramma puro o nel più soporifero racconto era molto alto. Pericolo scampato grazie ad un cast di alto livello, caratterizzato da nomi che sono spesso una garanzia - tra tutte, ottime le performance di Mulligan e Blige - ma anche da piccoli grandi sorprese come uno strepitoso Jason Mitchell nei panni del giovane Ronsel Jackson: ha contribuito alla vittoria, è stato in prima linea ma nessuno riconosce il suo sacrifico per l'intera patria e società. Qualcosa, dopo il conflitto, è cambiato. E' una trasformazione che lo accomuna all'altro reduce Jamie McCallan (Hedlund), con cui condivide traumi, risate e soprattutto quella strana sensazione di inadeguatezza al luogo e ai ruoli a loro imposti. Imposti come i confini tra bianchi e neri che l'anziano e burbero padre McCallan (un potente Jonathan Banks) si ostina a difendere nel momento in cui anche le differenze economiche e sociali non reggono più come scusa per l'odio.

Una visione inaspettata che, nonostante la fastidiosa voce fuori campo iniziale, trova un'armonia perfetta tra storytelling e temi importanti.

Fede Stories.

Commenti

  1. Attori grandiosi.
    Le vicende raccontate intriganti, però forse si rischia di mettere persino troppa carne al fuoco e alla fine non tutto mi ha convinto del tutto...
    Le voci fuori campo comunque sono la cosa che più mi è rimasta impressa. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, Dee Rees ha inserito molte tematiche ma giusto così considerando il periodo in cui è ambientata la vicenda.
      Le voci fuori campo, tutto sommato, sono riuscita ad apprezzarle anche io, escludendo la prima mezz'ora con effetto straniante annesso :)

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.