Passa ai contenuti principali

In primo piano

"Panama Papers" di Steven Soderbergh

Titolo: Panama Papers
Titolo originale: The Laundromat
Un film di Steven Soderbergh con Meryl Streep, Gary Oldman, Antonio Banderas, Jeffrey Wright, Robert Patrick, David Schwimmer
Genere: commedia
Durata: 96 min
Ambientazione: Stati Uniti
Anno: 2019
Voto: 2,5/5

La vacanza dei sogni dei coniugi Martin si trasforma in un lampo in un dramma. La barca su cui Ellen (Meryl Streep) si trova per una gita, infatti, affonda tragicamente. Nell'incidente il marito perde la vita. La vedova inizierà così una difficile battaglia legale che la porterà a scoprire i segreti più sporchi di uno studio legale con sede a Panama City gestito da due istrionici personaggi di nome Jurgen Mossack (Gary Oldman) e Ramon Fonseca (Gary Oldman). Sono solo i retroscena di uno dei più grandi scandali finanziari di sempre.

L'ultimo lavoro di Steven Soderbergh arriva dalla 76esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia dove è stato presentato in concorso in anteprima. In seguito, il film è approdato direttamente…

SerialTeller #70 - Non è oro tutto quel che luccica: magari è vetro! [White Gold st.1]

SerialTeller

L'appuntamento di Stories. dedicato al piccolo schermo.

SerialTeller

Ah, i favolosi anni Ottanta! Quanto sono profondamente radicati nell'immaginario comune con la loro musica, i loro film e le loro mode di ogni genere? Insomma, negli ultimi anni non sono mancati prodotti, sia per piccolo che per grande schermo, che hanno saputo incantare con le loro atmosfere volutamente nostalgiche e i loro omaggi a grandi cult di quel decennio. Proprio per questo, forse, sembra che proprio quegli anni, ora, non abbiano più niente da dire. Forse, invece, si tratta semplicemente del fatto che la vena retrò-nostalgica che ha segnato il cinema e le serie tv recentemente sta iniziando a stancare. Uno show solido, convincente e coinvolgente, tuttavia, sa sempre, in qualsiasi occasione, come catturare e trascinare con sé lo spettatore in un interminabile circolo vizioso.

White Gold
Genere: commedia
Stagione: 1
Lingua. inglese
Non vedevo Ed Westwick da parecchio tempo. A dir la verità, credevo che la sua popolarità sarebbe sempre (e solo) stata indissolubilmente legata al suo iconico ruolo di Chuck Bass nel fortunato Gossip Girl: difficile scrollarsi di dosso una figura così ingombrante. A cinque anni dalla fine della serie che lo ha reso celebre e dopo alcuni progetti finiti male, l'attore inglese torna in scena con una serie tv di BBC Two regalando uno straniante accento spiccatamente british. E' lui, infatti, il volto di Vincent Swan, il protagonista di White Gold, period comedy - si può dire? - in 6 puntate da mezz'ora dal sapore eighties. Lo show, con sguardo divertito e con humour tipicamente inglese, racconta le avventure di un trio di venditori porta a porta impegnati a sfondare nel crescente e dinamico business delle finestre in pvc a doppio vetro.
Ok, vi capisco: la sola trama, spiegata con queste poche parole, sembra una bella fregatura come quelle che solo un astuto venditore come Vincent riuscirebbe ad organizzare. White Gold, però, potrebbe regalarvi qualche chicca inaspettata. Potrebbe.

Nelle sue poche ma giuste puntate, questa serie tratteggia un po' i vizi e le manie di una generazione che, in quell'epoca, ha messo profondamente le radici. Il desiderio di arrivare a tutti i costi, di arricchirsi, di essere riconosciuto: Vincent, personaggio più che riuscito, rappresenta tutto questo insieme al suo essere tremendamente egoista - nonostante la sua giovane famiglia - e pieno di vizi di qualsiasi natura. Le sue due spalle, il determinato Fitzpatrick e il perdente Lavender, risultano efficaci nella narrazione nonostante non raramente ricadano nello stereotipo come molti dei personaggi secondari.

Una scena della serie

In conclusione la serie si rivela perfetta per un paio di serate spensierate e, soprattutto, senza troppe pretese ma, ad eccezione di un brillante protagonista e di qualche scena veramente spassosa, fatica veramente a prendere il volo. Insomma, una di quelle visioni per niente impegnativi e poco memorabili ideali dopo qualche mattone in stile Game of Thrones per intenderci!

Voto prima stagione: 5 e mezzo


Commenti

  1. Mi ha sempre molto incuriosito su Netflix, ma ho anche talmente tanto da recuperare che non l'ho iniziato... ora penso proprio di farlo, senza troppe pretese!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una visione ci sta, soprattutto per l'aria sorniona di Westwick che non esita a sfondare la quarta parete :)

      Elimina
  2. Finora non avevo prestato molta attenzione a questa serie, devo ammetterlo... Ma hai ragione: potrei prendere in considerazione l'idea di usarla per "spezzare" un po' la visione di show più complessi e impegnativi! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É l'ideale per affrontare rilassati la sfilza di nuove serie che arriveranno tra fine ottobre e novembre (stranger things 2 e the punisher in primis) :D

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.