Passa ai contenuti principali

In primo piano

Game of Thrones [stagione 8]

Titolo: Game of Thrones
Cast: Kit Harington, Emilia Clarke, Sophie Turner, Lena Headey, Nikolaj Coster-Waldau, Peter Dinklage
Genere: fantasy
Stagione: 8
Episodi: 6
Voto: 2/5

"Kingsman - Secret Service" di Matthew Vaughn

Kingsman - Secret Service

Titolo: Kingsman - Secret Service

Un film di Matthew Vaughn con Colin Firth, Taron Egerton, Samuel L. Jackson, Mark Strong, Michael Caine, Sofia Boutella

Genere: commedia, azione, avventura

Durata: 129 min

Ambientazione: Regno Unito

Anno: 2014

Valutazione: 4/5

4


<<I modi definiscono l'uomo!>>



Vi ricordate Colin Firth? 
Lo conoscete come Mark Darcy o Lord Wessex?
Forse tu che stai leggendo sei tra il folto gruppo dei suoi "haters".
La sua espressione e il suo fascino british hanno nettamente diviso in due il pubblico sin dagli esordi

Certo, certo..

Oggettivamente parlando, Colin Firth è colui che si è accaparrato quel discusso premio Oscar nel 2011 con Il Discorso del Re [Recensione]. Al fianco di Geoffrey Rush e di Helena Bonham Carter vestiva i panni di re Giorgio VI d'Inghilterra: pensate che non esista un ruolo più Kingsman di questo? Se avete risposto affermativamente, siete stati ingannati. Ben pochi sanno che la carriera di Mr. Firth è una pura e semplice copertura per un lavoro estremamente pericoloso ed importante. No, non si tratta di uno scambio d'identità all'Ernest Worthing: è qualcosa di più importante che riguarda la sicurezza di tutto il Regno Unito - ma che dico? - del mondo intero!
Non l'avete ancora capito? Colin Firth è un Kingsman, un segretissimo agente in missione per conto di sua altezza reale.


Aspetta, aspetta, aspetta: non sono la stessa persona. Colin ha sempre voluto tenere molto molto separate queste sue due versioni, così tanto che una parte non ha conosciuto l'altra per molto tempo. Fino ad oggi. Ora è giunto il momento di svelare a tutto il mondo la sua vera identità: Harry Hart.
Quale sarà la sua missione? Non prendersi sul serio!

E guardando il suo ultimo film si può dire che l'obiettivo sia stato raggiunto alla grande. Questo film è un piccolo gioiellino per tutti coloro che vogliono affrontare un'esperienza diversa che, magari, potrebbe anche non apprezzare. Bisogna mettere in conto questo rischio guardando Kingsman. La sottoscritta, per esempio, era sicura al 100 % che questo film non le sarebbe piaciuto. E invece no! Mi ha divertito e mi ha rallegrato due buonissime ore che, altrimenti, sarebbero state dedicate ad un noioso studio.

Che dire? Questa pellicola di Matthew Vaugh  - regista che con i precedenti progetti non mi aveva per niente entusiasmato - si ispira a tutti quei film di spionaggio che spesso e poco volentieri ricadono nel banale e nel ridicolo a causa della loro stessa presunzione e serietà. Non è una semplice parodia: per tutta la durata potrete notare omaggi e citazioni ad altri film che sono entrate ormai nell'immaginario comune.

Okay, e quindi..
Il successo di tutto questo è sicuramente da attribuire ad un cast che funziona e che non delude a partire dal protagonista, l'esordiente Taron Egerton, un ragazzo problematico della periferia di Londra che, dopo scorribande e ripicche, viene catapultato in un mondo completamente diverso dal suo, fatto di cravatte, completi eleganti, scarpe Oxford e... gadget da superspia nascosti nel camerino di una sartoria. Questo è l'universo assurdo dei Kingsman, al cui capo vi è un'eccellenza british che più british non si può: sir Michael Caine! E, parafrasando un dialogo di questo film, un buon film di spionaggio per essere tale ha bisogno di un nemico brillante che ha il volto di un Samuel L. Jackson in verfione Jovanotti, un ambientalifta ftranamente coinvolto in una ferie di mifteriofe fparizioni.

Una commedia che si prende gioco di tutto ciò che ha reso famosi i suoi attori protagonisti. Poteva essere una terribile disfatta, ma questa scommessa, e tutto questo coraggio, si è rivelata una vittoria!

Fede Stories.

Commenti

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.