Passa ai contenuti principali

In primo piano

"Licorice Pizza" di Paul Thomas Anderson

  Titolo: Licorice Pizza Un film di Paul Thomas Anderson con Alana Haim, Cooper Hoffman, Sean Penn, Tom Waits, Bradley Cooper, Benny Safdie, Maya Rudolph, Skyler Gisondo, John C. Reilly Genere: commedia, drammatico, sentimentale Durata:  133 min Anno:  2021 Voto: 5/5 ⭐ ⭐ ⭐ ⭐ ⭐ San Fernando Valley, 1973. Disarmata da dimostrazioni di inaspettata sicurezza e maturità da parte di un adolescente, l'annoiata assistente fotografa venticinquenne Alana Kane ( Alana Haim ) accetta - non senza riluttanza - di uscire a bere qualcosa con il divertito e divertente attore quindicenne Gary Valentine ( Cooper Hoffman ), suo insistente corteggiatore. Tra improbabili slanci imprenditoriali e bisticci per imprevisti e incomprensioni reciproche, l'insolita coppia si avventura per le strade pulsanti dell'immaginario californiano degli anni Settanta sempre in corsa contro il tempo, cercando di trovare il proprio percorso e scopo in un mondo sopra le righe. Ma sullo sfondo di eccentrici episodi d

"The Prestige" di Christopher Nolan

The Prestige

Titolo: The Prestige

Un film di Christopher Nolan con Hugh Jackman, Christian Bale, Michael Caine, Scarlett Johansson, Rebecca Hall, Piper Perabo, David Bowie, Andy Serkis

Genere: thriller, fantascienza, drammatico

Durata: 130 min

Ambientazione: Londra, Regno Unito

Anno: 2006

Voto: 4,5/5



"Ogni grande numero di magia è costituito da 3 parti. La prima si chiama presentazione: il mago mostra qualcosa di ordinario che naturalmente non lo è. La seconda si chiama colpo di scena: il mago trasforma quello di ordinario in qualcosa di straordinario. Non cercare di scoprire il segreto perchè non riuscirai. Per questo esiste una terza parte chiamata prestigio dove succede l'inaspettato, dove vedi qualcosa che non hai mai visto prima."


Questo film è ispirato all'omonimo romanzo di Christopher Priest del 1995. (recensione)


Fede, ti presento Christopher. Questo film, per me, è stato l'equivalente di un primo appuntamento. E che appuntamento! Gustai questo film dopo circa tre anni dai tempi in cui conquistò ogni sala cinematografica ed il cuore di molti spettatori. Nel 2006 mancai all'appuntamento. Ahimè, avevo undici anni e fette di salame sugli occhi che, magicamente, mi permettevano la visione di film abbastanza imbarazzanti, lo ammetto. Vi chiedo solo di non infierire su questo punto.
Aggiungo che ancora non avevo la più pallida idea di chi fosse Christopher Nolan, di cosa avesse fatto e della sua genialità. Dopo qualche anno ho colmato tutte le mie mancanze.

Adoro la magia, che sia vera o pura illusione. Ma dove si può collocare il limite tra queste due opzioni? Beh, credo che ancora non esista una risposta per chi crede nella magia. Ciò che è certo è questo: Christopher Nolan è un prestigiatore del cinema. Lui ha il potere di attirare il pubblico e di non deluderlo mai. Ogni suo film, e questo in particolare, è costituito da tre parti. La presentazione con cui presenta una trama, una storia normalissima che, se fosse finita nelle mani di qualche altro regista, probabilmente sarebbe risultata banale, una tra le tante usuali. Poi è il turno del colpo di scena, la bravura con cui, tramite articolati flashback, cornici di cornici e di molto altro viene narrata la storia. La pellicola si conclude con il prestigio, ciò che rende straordinario ed indimenticabile un titolo. Questa ultima parte non pone necessariamente un punto definitivo, anzi, spesso lascia tanti interrogativi di stupore e meraviglia. Questo accade dopo aver visto un film di Nolan.


La coppia Christian Bale - Michael Caine si ripete e.. Ci azzecca! I due attori britannici tornano a lavorare insieme con la direzione di Nolan dopo il riuscitissimo Batman Begins. Bale dona perfettamente vita ad un misterioso Alfred Borden, prestigiatore ambizioso di una Londra vittoriana. Al suo fianco vi è Robert Angier (Hugh Jackman), amico con cui partecipa agli spettacoli di Milton, mago di cui sono assistenti. La fuga dalla vasca è il numero più d'effetto, la cui protagonista è Julia, ragazza di Angier. In una sfortunata occasione, la giovane non riesce a liberarsi ed affoga. Robert accusa subito Alfred poichè, in precedenza, quest'ultimo aveva proposto l'utilizzo di un nodo più complesso per legare la donna durante l'esibizione. Questo è l'inizio di una vera e propria guerra a colpi di trucchi ed inganni che spingerà i due prestigiatori a superare i propri limiti.

In queste vicende vengono anche risucchiati, e travolti, anche i personaggi secondari tra cui il saggio costruttore John Cutter (Michael Caine), la giovane ed affascinante assistente Olivia (Scarlett Johansson) e la moglie di Borden, Sara (Rebecca Hall). Tutti gli interpreti sono brillanti e perfettamente in parte. Tuttavia non mi ha convinto Hugh Jackman ma il mio giudizio è probabilmente troppo influenzato dalla mia avversione nei confronti di Wolverine.


Fede Stories.

Commenti

  1. Anche a me è piaciuto, ma proprio tanto tanto!!!! ^^

    RispondiElimina
  2. Pensa che coincidenza... proprio questo pomeriggio ho visto per la prima volta, finalmente, "Inception", sempre di Nolan! :)
    "The Prestige", ad ogni modo, è davvero un gran bel film, con un cast stellare: sono pienamente d'accordo con te! ^____^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ho acquistato da poco anche i Dvd di entrambi. Adoro Inception, credo sia il più riuscito :)

      Elimina
  3. regista superbo, attori superbi, ho adorato questo film!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' una pellicola riuscita in ogni sua parte ^^

      Elimina
  4. Sono d'accordo con te, molto bello!**

    RispondiElimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.