Passa ai contenuti principali

In primo piano

"Andromeda" di Robert Wise | Vade Retro Virus

Titolo: Andromeda
Titolo originale: The Andromeda Strain
Un film di Robert Wise con Arthur Hill, David Wayne, James Olson, Kate Reid, Paula Kelly
Genere: drammatico, fantascienza, thriller

Durata: 131 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 1971

Voto: 3/5
La desolata periferia del New Mexico si trasforma improvvisamente in uno scenario apocalittico dopo che un satellite in rientro è caduto sulla superficie terrestre. I tecnici inviati dal governo degli Stati Uniti per un sopralluogo rilevano inoltre che tutti gli abitanti della cittadina colpita sono morti per motivi misteriosi. Anche le più avanzate procedure di gestione dell'emergenza dovranno essere riformulate davanti a un virus che sfugge a ogni tipo di conoscenza trattandosi di un'entità sconosciuta proveniente dallo spazio. Un'esclusiva task force di scienziati e ricercatori dovrà fare luce sul mistero attraverso esperimenti e analisi condotte in una segretissima base nel deserto del Nevada.

Michael Crichton attraverso le sue o…

"L'uomo d'acciaio" di Zack Snyder

L'uomo d'acciaio

Titolo originale: Man of Steel

Un film di Zack Snyder con Henry Cavill, Amy Adams, Micheal Shannon, Kevin Costner, Diane Lane, Lawrence Fishburne, Russel Crowe

Genere: azione, fantascienza, supereroi

Durata: 143 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2013

Valutazione: 4/5


4

Superman non è mai stato il mio supereroe preferito. Guardare centomila volte i vecchi film con Christopher Reeve alla domenica pomeriggio non ha influito sui miei gusti, a quanto sembra. Probabilmente tutto questo è dovuto al fatto che io abbia sempre trovato assurdo il camuffamento di Clark Kent: un semplice paio di occhiali. Al limite dell'assurdo, non l'ho mai capito, giuro.

Inoltre ho odiato con tutto il cuore Superman Returns. Seriamente, a voi è piaciuto? Secondo me non aveva nè capo nè coda. Forse l'unico che si salvava era Lex Luthor, impersonato dal geniale Kevin Spacey, sempre perfetto in ogni ruolo. Questo film mi avevo decisamente deluso tanto da pensare di non dare più nessuna chance al supereroe dai mutandoni rossi.

Tuttavia sono ricaduta nella rete del signor Nolan. Eh sì, perchè nonostante alla regia di questo ultimo film intitolato vi sia Zack Snyder (regista di pellicole come 300 e L'Alba dei Morti Viventi), alla produzione vi è il britannico Christopher. Man of Steel, quindi, ai miei occhi si è presentato come un'occasione imperdibile.

Nei panni (molto attillati) di Superman questa volta c'è l'attore britannico Henry Cavill, alle prese con il perfido generale Zod (Michael Shannon), proveniente dal lontano, ed ormai scomparso, pianeta di Krypton. Quest'ultimo vuole avere un codice che era contenuto sulla navicella con cui il piccolo Clark giunse sulla terra inviato dal padre Jor-El (Russell Crowe). 

In questo ultimo capitolo, di cui non voglio svelare troppo, il protagonista dovrà affrontare le sue paure, le sue preoccupazioni e i suoi dubbi dovuti ad un'intera infanzia vissuta in incognito. Con continui flashback e con l'aiuto della giovane giornalista Lois Lane (Amy Adams), Superman sceglierà il suo futuro.

Un film ottimo sotto ogni punto di vista. Una trama interessante ed un cast stellare (sono presenti, infatti, anche Kevin Costner e Diane Lane nei panni dei genitori del ragazzo) non solo hanno saputo soddisfare le aspettative, nel mio caso le hanno addirittura superate. Immancabile una splendida ed ideale colonna sonora firmata da un Hans Zimmer che, oltre a non deludere mai, ha ormai acquisito una certa dimestichezza con i supereroi.

Bisogna, però, evidenziare anche un aspetto che ho trovato non negativo bensì fastidioso. Quando ho sentito alcune parole del padre di Clark Kent, un Kevin Costner che cerca di sostenere il figlio in ogni difficoltà, ho avuto una reazione allergica che non saprei chiamare in altro modo: mi è sembrato, infatti, di sentire l'eco di "Da grandi poteri derivano grandi responsabilità" e non so quanto possa essere effettivamente positiva questa cosa.

Fede Stories.

Commenti

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.