Passa ai contenuti principali

In primo piano

WandaVision [mini serie]

  Titolo: WandaVision Cast: Elizabeth Olsen, Paul Bettany, Debra Jo Rupp, Fred Melamed, Kathryn Hahn, Teyonah Parris, Randall Park, Kat Dennings, Evan Peters Genere: drammatico, sentimentale, sitcom, supereroi Episodi: 9 Voto: 4/5 “Don’t worry, darling. I have everything under control.” Lasciati alle spalle gli eventi colossali dell'apocalittico Avengers: Endgame , Wanda Maximoff (Elizabeth Olsen) e Visione (Paul Bettany) sono una coppia felicemente sposata che quotidianamente recita la sua routine in un idilliaco quartiere residenziale della provincia americana. Nelle monotone giornate fatte di sketch, incursioni di vicini sopra le righe e gaffe sul lavoro, strani avvenimenti e sospetti iniziano però a insinuarsi tra i verdi giardini perfettamente in ordine di Westview. Qualcosa di molto pericoloso sta per essere rivelato. Qualcosa sta sfuggendo al controllo di qualcuno. I fan del Marvel Cinematic Universe per un anno e mezzo hanno formulato teorie e costruito congetture sugli in

Omicidio a Easttown [mini serie]

Omicidio a Easttown - Poster

Titolo: Omicidio a Easttown

Titolo originale: Mare of Easttown 

Cast: Kate Winslet, Julianne Nicholson, Jean Smart, Angourie Rice, David Dennam, Neal Huff, Guy Pearce, Cailee Spaeny

Genere: drammatico, poliziesco

Episodi: 7

Voto: 3,5/5

"Doing something great is overrated. Because then people expect that from you all the time. What they don't realise is you're just as screwed up as they are."

 In un'anonima cittadina della grigia provincia americana, la detective Mare Sheehan (Kate Winslet) da tempo sembra trovarsi a un punto cieco della sua vita professionale e non solo. Mentre sul lavoro sembra aver perso le speranze e soprattutto la forza di volontà per ritrovare una ragazza misteriosamente scomparsa, in famiglia Mare viene costantemente travolta da silenzi insostenivili e dolorosi ricordi che riaffiorano da un passato mai davvero metabolizzato. Un nuovo eventro tragico per la piccola comunità di Easttown porterà la donna a un punto di non ritorno, costringendola ad affrontare ombre del passato e incertezze della sua quotidianità.

Omicidio a Easttown - Kate Winslet
Fonte: HBO

 Ambientazioni ricercate, scenografie sofisticate e collezioni di cappotti d'alta moda da sfoggiare in qualsiasi stagione ma soprattutto in inverni a tinte freddissime: negli ultimi anni nel mondo delle serie tv e soprattutto nell'ecosistema prestige drama griffato HBO sembrano essersi delineate delle linee guida ben precise per confezionare la ricetta della serie TV di successo. Ad antieroi ruvidi e grezzi come quelli di True Detective o Vinyl si sono così contrapposte figure eleganti di donne di mezza età che, tra incursioni lussureggianti a feste in country club e sedute dal proprio analista, hanno definito un nuovo paradigma. Se nel 2017 un quartetto protagonista tutto al femminile come quello di Big Little Lies sembrava rivoluzionario quasi quanto quello di Sex and the City all'alba del Duemila, in tempi più recenti l'ondata di epigoni multimediali che ne è derivata ha portato a una totale deriva di questo strano "sotto-genere", soffocando riflessioni urgenti sul ruolo di figure femminili sul piccolo schermo con vezzi di pura estetica e paura di proporre narrazioni pià complesse. In realtà, nel 2018 un timido - e mai abbastanza apprezzato - tentativo per cambiare prospettiva era già stato realizzato con Sharp Objects, adattato sempre da Jean-Marc Vallée a partire da un romanzo di Gillian Flynn, altra grande autrice di sguardi femminili sul piccolo e grande schermo con Gone Girl. Sono stati necessari, tuttavia, altri 3 anni per poter ritrovare, sempre dalle parti di HBO, un drama con una protagonista sfaccettata, complessa quanto affascinante degna di un confronto con lo strepitoso trio composto da Amy Adams, Patricia Clarkson e Eliza Scanlen. Si è reso necessario, infatti, il grande ritorno nel mondo delle serie TV di Kate Winslet con Omicidio a Easttown, ultima creatura in 7 episodi ideata da Brad Ingelsby. Con una prospettiva quasi inedita sugli schemi della più classica narrazione poliziesco-procedural, questa miniserie distribuita in Italia da Sky ha saputo portare una ventata di novità in un panorama che da troppo tempo sembrava ripiegato su se stesso.

  Poteva essere l'ennesima storia di riscatto personale sviluppata in parallelo a una situazione lavorativa in crisi - dopotutto Ingelsby ha curato la sceneggiatura di The Way Back con Ben Affleck che segue molto questa direzione - ma questa miniserie alla fine si è rivelata un'occasione ben più significativa. La grande prova attoriale di Kate Winslet, infatti, lascia in secondo piano un canovaccio piuttosto canonico nei suoi sviluppi e colpi di scena finali. Le dinamiche della psicologia dell'assoluta protagonista Mare Sheehan, invece, percorrono strade meno battute, individuando luoghi e temi narrativi che spessono sfuggono a sceneggiature a puntate ben più frettolose. Episodio dopo episodio, Winslet scava tra le fragilità del suo personaggio, andando ben oltre la superficie di una corazza ruvida che a tratti sembra quasi sottilmente ironizzare quella di tanti predecessori HBO assurti a idoli televisivi. La miniserie coniuga la rinascita di un personaggio attraverso l'accettazione delle fratture, dei rimpianti e dei ricordi che lo rendono tale, ne sviscera cadute e fallimenti come parte integrante di un cambiamento, di una svolta sofferta, necessaria e da costruire nel tempo. La figura di Mare, così intrigante nel suo essere spesso urtante, diventa quindi l'immagine di un'intera gamma di personaggi che da tempo cercano una voce al centro della scena, che trovano significato e ricchezza nella loro umana complessità capace di rimanere impressa più a lungo di un ammiccante ed evasivo prestige drama fine a se stesso.

Segui Stories su FacebookTwitterInstagramTelegram

Commenti

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.