venerdì 24 marzo 2017

"La bella e la bestia" di Bill Condon


Titolo: La bella e la bestia

Titolo originale: Beauty and the Beast

Un film di Bill Condon con Emma Watson, Dan Stevens, Luke Evans, Kevin Kline, Josh Gad

Genere: sentimentale, fantasy, musicale

Durata: 129 min

Anno: 2017

Voto: 3/5


Le mode passano, i gusti cambiano ma al cinema - e non solo - sembrano esserci sempre delle costanti. Attori? Registi? No, ormai quelli che riescono a non sbagliare un film sono veramente pochi e anche i più grandi spesso inciampano in grossolani ed ingenui errori. Sto parlando di un genere che negli anni non ha mai visto diminuire il suo fascino, anzi! Grazie alle sempre più affinate tecniche cinematografiche, è riuscito a cambiare forma diverse volte, rinnovandosi e valorizzandosi. Sto parlando della fiaba, un approccio narrativo che accompagna chiunque dalla nascita e che mantiene uno stretto legame con il genere umano sin dagli albori della civiltà. Cosa ci affascina ancora così tanto dopo tutto questo tempo?


Solo al cinema si contano più o meno tredici versioni/reinterpretazioni della celeberrima fiaba de "La bella e la bestia". Osservando dati e numeri, sembrerebbe che periodicamente le grandi case di produzioni e, visti i risultati, anche il pubblico sentano la necessità di rivivere questa storia. L'ultimo remake in ordine cronologico è quello diretto da Bill Condon che vede nei panni dei due protagonisti l'amatissima Emma Watson e l'affascinante Dan Stevens. Per la prima volta la Disney racconta le vicende della sventurata coppia in live-action, una magia tecnica che, mantenendosi fedele al cartone del 1991, vorrebbe attirare i grandi affezionati facendo l'occhiolino anche ad un'ampia fetta di pubblico composta dalle nuove generazioni e dai fan degli attori inclusi nel cast.

Inutile negare: davanti a migliaia di colori danzanti e di musiche avvolgenti - attenzioni, alcune potrebbero risultarvi nuove - è impossibile non rimanere a bocca aperta. Che bellezza! Ogni piccolo dettaglio è al posto giusto, ogni particolare è una gioia per gli occhi. La scena di Be Our Guest, cantata da Lumière e gli altri "oggetti" del castello, a mio parere supera quella del cartone originale. Sono proprio i personaggi secondari, tra cui spiccano gli splendidi Gaston e LeTont, il grande punto di forza di un film che, purtroppo, non può fare completo affidamento sui due protagonisti: la Watson ha un'aria troppo da Hermione e Stevens, invece, risulta un po' insipido. Il più grande problema di questo film è però il suo costante insistere sul paragone con il predecessore che risulta così un faticosissimo ostacolo ad una visione che, tuttavia, nel complesso risulta godibile.


9 commenti:

  1. Non mi ha proprio entusiasmato, purtroppo. Un po' colpa della pessima edizione italiana, un po' di una Watson incapace di comunicare qualsiasi emozione. Per essere la favola più magica in circolazione, freddino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho riversato troppe aspettative su questo titolo e forse per questo, tutto sommato, l'ho trovato godibile :)

      Elimina
  2. Anche a me non ha convinto la Bestia e il suo passato è raccontato in modo approssimativo. Ma il film è bellissimo!😍

    RispondiElimina
  3. Mi sono accorta che non sono ancora iscritta al tuo blog. Mi iscrivo come tua lettrice fissa su Blogger, non so se tu mi segui già! A presto!👋
    gattaracinefila

    RispondiElimina
  4. Io ho un debole per Luke Evans, quindi vorrei vederlo per quello, senza troppe aspettative.

    RispondiElimina
  5. Stevens è davvero moscerello qui. Peccato perché in Legion spacca di brutto. Ma, diciamolo, la Bestia versione umana era già insipida nel classico Disney, tanto da far venire voglia di ritrasformarlo in esserone peloso! XD

    RispondiElimina
  6. Ciao! A me è piaciuto, sebbene le canzoni in lingua originale sicuramente rendono di più. Tuttavia è stato un bel film,ho apprezzato molto le scenografie e la cura nei dettagli =)

    RispondiElimina