venerdì 26 febbraio 2016

"Joy" di David O. Russell


Titolo: Joy

Un film di David O. Russell con Jennifer Lawrence, Robert De Niro, Bradley Cooper

Genere: drammatico, biografico, commedia

Durata: 124 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2015

Voto: 3/5



Ancora adesso mi chiedo perché ho affrontato questa visione. Tutti - e con tutti intendo veramente tutti - hanno parlato male di questo film. Che peccato. David O. Russell mi ha sempre incuriosito: ho apprezzato American Hustle molto più de Il lato positivo e ho visto e rivisto The Fighter, gran film con un'eccezionale performance da Oscar di Christian Bale. David O. Russell, tuttavia, è comunemente noto come quel geniaccio che ha il merito di aver reso popolare Jennifer Lawrence, grazie al sopracitato Silver Linings.


E' stato detto e ripetuto: la ricetta dei film del regista di New York sembra ormai avere degli ingredienti immancabili. Negli ultimi cinque anni, infatti, ha collaborato per ben tre volte con la lanciatissima Jennifer Lawrence, l'amato/odiato Bradley Cooper ed il sempre più irriconoscibile Robert De Niro. Beh, si potrebbe pensare: Cast che funziona, non si cambia! Affermazione senza dubbio condivisibile. Il rapporto tra i tre è ormai ben consolidato. Tuttavia, a volte serve trovare quell'ingrediente in più, il lampo di genio capace di rinnovare e stupire senza stravolgere.

Credo sia mancato proprio questo in Joy, ultima fatica di Russell. E' inutile perdere tempo polemizzando sul merito delle sue continue candidature: la Lawrence è chiaramente brava. Certo, spero non sia lei ad alzare la statuetta dorata la notte degli Oscar perché penso che qualcun altro la meriterebbe. Non capisco, tuttavia, l'accanimento nei confronti di questa ragazza passata dallo status di idolo delle folle a quello di odiosa della situazione. La sua presenza ed il suo ruolo rappresentano il buono di questo film che, a mio parere, manca di quella scintilla capace di lasciare a bocca aperta. Non si può, infatti, fare completamente affidamento sulla storia che, per quanto curiosa, non è certo materiale inedito.


La prima parte della visione sembra promettere bene presentando l'eccentrica famiglia della protagonista. Una madre intrappolata dalla programmazione televisiva, un ex marito paradossalmente fedele rinchiuso nello scantinato, una sorellastra in competizione e una nonna che continua a credere nel talento e nell'immaginazione di Joy. Chi manca all'appello? Ah sì, il padre: interpretato da Robert DeNiro, è il personaggio fantasma della situazione, l'unico che non valeva la pena di approfondire.
Il materiale c'è, la stranezza pure considerando che si racconta la storia della donna che ha inventato un mocio evoluto. Purtroppo tutto sembra rimanere congelato. Qualche scena interessante qua e là, ma niente di più. Quando tutto dovrebbe movimentarsi, in un crescendo di emozioni e racconto, non accade niente. Il finale di conseguenza risulta frettoloso e decisamente deludente.

Un film che vorrebbe essere tante cose, che fatica a trovare la sua strada e che purtroppo mette da parte il suo potenziale esplosivo. Non una brutta pellicola: una pellicola incerta e dubbiosa che si salva solo grazie ad una invidiabile Jennifer Lawrence, anche se non al massimo della forma.

Trailer:




2 commenti:

  1. Ciao è tanto che non riuscivo a passare a trovarti. Il tempo per i giri nei blog amici è sempre meno purtroppo. Vengo dal Link Party Disney's Lottery del Blog All I need is a charming
    http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/ - Ho altri due blog che puoi trovare qui http://ilrifugiodeglielfi.blogspot.it/p/i-miei-blog.html

    Un saluto grande e Buon Fine Settimana

    RispondiElimina
  2. Ciao! A me sinceramente il film è piaciuto molto, adoro il trio Lauwrence, De Niro e Cooper, ed è stata la storia che mi aspettavo =)

    RispondiElimina