mercoledì 9 dicembre 2015

"Il potere dei soldi" di Robert Luketic


Titolo: Il potere dei soldi
Titolo originale: Paranoia
Un film di Robert Luketic con Liam Hemsworth, Gary Oldman, Amber Heard, Harrison Ford
Genere: thriller, drammatico, azione
Durata: 106 min
Ambientazione: New York, Stati Uniti
Anno: 2013
Voto: 3/5




Non ho mai apprezzato Liam Hemsworth. Forse è meglio dire che non ho mai amato né sopportato il personaggio di Gale nella serie Hunger Games. Per carità, è un bel ragazzo, affascinante ma... qualcosa in lui mi rende dubbiosa. Questa mia diffidenza, probabilmente, è dovuta al ruolo da lui interpretato nella saga creata da Suzanne Collins. La scelta di affrontare la visione di Il potere dei soldi con un Hemsworth privato dei panni di esaltato del distretto 12 è stata, quindi, quasi obbligata. Trascuro il fatto che il trailer ed il titolo di questo film, nell'ultimo periodo, mi capitano sotto gli occhi con una frequenza preoccupante. 

http://fangirlish.com/wp-content/uploads/2013/08/liam10.gifGironzolando per la sezione 'novità' di TimVision ho trovato - ma guarda che caso! - proprio questa pellicola del 2013 che, nonostante le basse valutazioni nelle recensioni online, continuava ad incuriosirmi. Nel cast, infatti, figurano nomi importanti come Harrison Ford, Gary Oldman e Richard Dreyfuss. Capii che era arrivato il momento di dare un'altra possibilità a questo giovane attore australiano.

Chiarisco subito: non si tratta di un film indimenticabile, senza precedenti nelle sale. Anzi, si potrebbe tranquillamente dire che Il potere dei soldi è il classico thriller senza troppi scossoni nella trama. Non credo, però, che l'intenzione del regista, con questo adattamento di un romanzo di Joseph Finner, fosse quella di segnare la storia del cinema o stravolgere un genere con chissà quali astuti marchingegni. Penso, tuttavia, che questo sia un film da gustare in tranquillità, senza troppe pretese. Paranoia svolge il suo compito: incuriosisce, a volte è un po' prevedibile ma giunge alla sua onesta conclusione.

http://cdn.collider.com/wp-content/uploads/paranoia-liam-hemsworth-gary-oldman.jpgHemsworth nel ruolo di Adam, un giovane ambizioso con idee brillanti appena licenziato, mi ha convinto. Certo, non sto parlando di una performance da Oscar ma sicuramente di un'interpretazione migliore delle precedenti. Le note negative sono da attribuire soprattutto alle altre due figure importanti della storia, Oldman e Ford nei panni dei presidenti di due società rivali che si contendono il primato dello smartphone più innovativo in commercio. I due attori, un po' sottotono, coinvolgono Adam in una spietata azione di spionaggio industriale mettendo a rischio la sua vita e quella dei suoi amici.

L'aspetto più interessante è senza dubbio l'ambientazione. No, non New York: alla Grande Mela cinematografica siamo ormai abituati tutti. Sto parlando delle dispute agguerrite all'interno dell'industria informatica-tecnologica, combattute a suon di app, social network e modelli di cellulari e tablet all'avanguardia.
Un intreccio interessante, godibile anche se non fuori dall'ordinario.

Buona visione!




Trailer:



4 commenti:

  1. Mmm...
    Chissà perché non mi soprende l'idea di un Harrison Ford sottotono? XD
    Credo di averlo visto in forma in "Star Wars" e nella saga di "Indiana Jones" (ultimo imbarazzante capitolo escluso), e pochissime altre volte... probabilmente mai! XD
    Il film sembra abbastanza carino, comunque, ci farò un pensiero! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora mi correggo dai: qui non è decisamente in forma ;)
      Sì, dagli un'occhiata ma non è certo un titolo da mettere in cima alla watchlist..

      Elimina
  2. Dalla tua recensione sembra un film interessante, devo recuperarlo!➡ gattaracinefila.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non imperdibile ma sicuramente interessante :)

      Elimina