domenica 23 agosto 2015

"Mission: Impossible - Rogue Nation" di Christopher McQuarrie

Mission Impossible: Rogue Nation


Titolo:
Mission: Impossible - Rogue Nation

Un film di Christopher McQuarrie con Tom Cruise, Simon Pegg, Jeremy Renner, Alec Baldwin, Rebecca Ferguson

Genere: azione, spionaggio, thriller

Durata: 131 min

Ambientazione: Stati Uniti, Regno Unito, Marocco, Austria

Anno: 2015

Voto: 4,5/5

4 e mezzo



Tom Cruise non si arrende. O meglio: non si accontenta. Non bastano i successi del passato ed i recenti Oblivion e Edge of Tomorrow per fermarlo. Per questo torna al cinema con un nuovo (ed attesissimo) episodio della fortuna saga di Mission: Impossible che, dall'ormai lontano 1996, regala popolarità e fan all'attore americano. Il pubblico a stelle e strisce lo ha premiato e Mission: Impossible - Rogue Nation al boxoffice è riuscito a sbaragliare la concorrenza, tra cui il reboot dei Fantastici Quattro che prossimamente uscirà anche in Italia.

Le prime sequenze rendono molto bene l'idea alla base di questo film: questo è un prodotto dedicato ai fedelissimi della serie e dell'attore ma che strizza un occhio a tutti coloro che al cinema, specialmente nel periodo estivo, cercano divertimento e tanta, tanta azione. E così la pellicola prende il volo sin dai primi minuti, letteralmente. In una rocambolesca azione sul campo, l'agente segreto dell'IMF Ethan Hunt (Tom Cruise) è alle prese con un aereo contenente una grande quantità di un pericoloso gas destinato a finire tra le mani di spietati terroristi. Secondo Hunt, dietro al traffico di queste armi e di alcuni misteriosi incidenti, si nasconde l'abile mano del Sindacato, una potente organizzazione segreta che opera a livello internazionale. Tuttavia, tutte le persone che circondano l'agente sembrano non pensarla allo stesso modo. E' l'inizio di una fuga mozzafiato attraverso diversi stati e situazioni.

Una scena del film


Non avevo grandi aspettative per questa pellicola. Ho apprezzato molto i primi quattro capitoli ma non posso considerarli tra i film più belli della mia vita cinefila. Per questo ho affrontato la visione nella più completa serenità, sapendo che forse, in alcuni casi, non resta altro che spegnere la mente trascurando i problemi di tutti i giorni e godersi lo spettacolo. Rogue Nation è un buon popcorn movie. Non uso e non ho mai usato questo termine in senso negativo, anzi: ogni tanto ci vorrebbe un bel film spensierato senza tanti ragionamenti e preoccupazioni. In questo modo mi sono divertita e non poco: ho preso parte ai velocissimi inseguimenti in moto, ho indagato sull'esistenza del Sindacato e ho riso con piacere alle battute di Benji Dunn (Simon Pegg).

Mission: Impossible - Rogue Nation non è un film che si prende sul serio ma non per questo bisogna snobbarlo. Perchè? Perchè non è quello che potrebbe sembrare: non è l'ennesimo sequel sbiadito che scuote il botteghino. In realtà, potrebbe benissimo essere un film singolo. Inoltre, non punta esclusivamente sulle imprese dell'amatissimo Hunt. Gran parte del merito della riuscita del film è, a mio parere, da attribuire alla spumeggiante coppia Cruise-Pegg, capace di unire avventura e ironia in un divertente action movie.
La mia scena preferita? Quella in cui entrambi gli attori a Vienna devono affrontare alcuni componenti del Sindacato nel bel mezzo di una rappresentazione della 'Turandot'. E' proprio il caso di dire: SPETTACOLARE!

Insomma, non siete ancora in sala a godervi questa pellicola sgranocchiando pop corn?

Fede Stories.
 

Nessun commento:

Posta un commento