sabato 2 maggio 2015

Il Segno dei Quattro #3 - Miss Marple

Buonweekend a tutti voi lettori!

Mi auguro che il vostro finesettimana sia allegro e felice. Purtroppo il mio sarà popolato da indecifrabili formule matematiche e da grafici cartesiani che mi accompagneranno in una lenta marcia verso il mio esame di fisica di martedì. Aiuto! 

Ecco, forse questo sarebbe lo scenario ideale per un giallo, non credete? Aria inquietante, piena di mistero e di terrore. Veramente, però, tutto questo è indispensabile? Oppure che un romanzo di questo genere, un buon giallo capace di catturare ed intrigare il lettore sin dal primo capitolo ha bisogno di ben altre caratteristiche? Proviamo a riflettere su questo con un nuovo appuntamento della rubrica settimanale de Il Segno dei Quattro.


Nelle scorse settimane ho potuto parlarvi di due figure di tutto rispetto: Sherlock Holmes e Hercule Poirot. Se il genere giallo è tale, buona parte del merito è da attribuire soprattutto ai due investigatori sopracitati. Hanno dato origine ed hanno consolidato due differenti strutture narrative che sono alla base di quasi tutti i romanzi contemporanei di questo genere. Se volete sapere di più a proposito di questi due brillanti protagonisti, qui sotto vi lascio i link delle puntate precedenti.



#1 Sherlock Holmes [18 aprile] (Link)
#2 Poirot [25 aprile] (Link)
#3 Miss Marple
#4 Arsenio Lupin


La mente acuta che con la sua penna ha dato origine all'ospite di quest'oggi non vi è per niente nuova. Miss Marple è, infatti, la sorella letteraria di monsieur Hercule Poirot. Sì, Agatha Cristie è l'artefice del successo di entrambi. Strano, vero? E' semplicemente incredibile come la stessa persona sia riuscita a dare vita a due personalità così diverse tra loro, agli antipodi, distanti ma paradossalmente strettamente legate e vicine. Incredibile e stupefacente. Questa è la magia dei libri: ognuno ha la sua storia, ognuno di essi è capace di liberare una parte dell'animo del suo autore scoprendo nuovi tratti sconosciuti del suo carattere.
Chiunque conosca Poirot e Miss Marple - entrambi sono universalmente conosciuti, anche da chi non ha mai letto un libro - sa elencare molte caratteristiche che li distinguono da chiunque altro. Il primo è un detective esuberante, il mistero è la sua professione e la precisione e l'attenzione ai piccoli dettagli sono la sua religione. La seconda, invece, è completamente differente. E' un personaggio che, per ovvi motivi, non può risultare indifferente: o si ama o si odia. Personalmente, non ho mai nutrito una grande simpatia per questo strano 'investigatore'. Tuttavia, ho sempre trovato molto affascinante tutto ciò che rappresenta.

Miss Marple è l'insospettabile vicina di casa, la pensionata che potreste benissimo incontrare in prossimità di un cantiere, la tenera nonnina un po' insistente ed un po' impicciona. Nessuno scommetterebbe su di lei. Alla fine, però, difficili enigmi vengono risolti solo grazie al suo brillante intervento. Il suo personaggio, però, rappresenta qualcosa di più interessante. Ogni sua avventura ha - solitamente - luogo in un paesino della verde campagna inglese ben diversa dai paesaggi urbani tipici delle investigazioni di Hercule Poirot. L'habitat naturale dell'anziana è sempre una comunità di piccole dimensioni, dove tutti gli abitanti si conoscono molto bene, sono animati da emozioni contrastanti, sono invidiosi, gelosi e, soprattutto, amano spettegolare. Ah, l'arte della chiacchiera! Buona parte del metodo di Miss Marple si basa sui pettegolezzi, attività con cui ogni indiziato, abbassando le difese, si lascia sfuggire piccoli dettagli all'apparenza insignificanti ma che, in realtà, si riveleranno fondamentali per la risoluzione del caso. Sin dalla sua prima comparsa, nel 1930 con La morte nel villaggio, è ben chiara la struttura ed il metodo di questa astuta donna. Gli addetti ufficiali all'investigazione dubiteranno sempre delle capacità di Miss Marple ma, di fronte alle sue brillanti e precise conclusioni, si arrenderanno ad ammirarla. La stessa autrice nutrì una grande simpatia per questo personaggio, a differenza di quanto accadde per Poirot che divenne quasi 'ingombrante' con la sua fama. La leggenda narra che Agatha scrisse l'ultima avventura della sua adorata investigatrice durante la seconda guerra mondiale per paura di non uscirne viva. Addio Miss Marple venne pubblicato solamente nel 1976, a pochi mesi dalla morte della regina del giallo.

L'unica caratteristica condivisa dalle precedenti opere di Poirot riguarda la scena del crimine. In realtà, questa è un aspetto tipico della produzione di Agatha Christie. Il luogo del delitto è sempre privo di tratti agghiaccianti e macabri. Non ci sono scenari apocalittici e nemmeno assassini feroci. Spesso il colpevole è la figura più insospettabile tra gli indiziati, la persona con l'aria più mite e lontana dallo stereotipo del serial killer. In molti hanno attribuito questa peculiarità al fatto che l'autrice sia una donna. Onestamente, non condivido questa opinione poichè credo che la genialità di una scrittrice risieda anche in queste piccole cose, che non sono un'esclusiva femminile. Paragono i romanzi della Christie a dei buoni film, considerati da tutti capolavori, privi di effetti speciali rumorosi ed imponenti.

Anche questo frutto della penna di Agatha Christie ha avuto molta fortuna nel campo cinematografico e televisivo ed ha influenzato notevolmente altri autori. La prima apparizione in televisione risale al lontano 1956 con l'episodio A Murder is Announced con l'attrice inglese Gracie Fields nei panni della protagonista. Questo adattamento è stato realizzato a soli sei anni dalla pubblicazione dell'omonimo romanzo.
Anche la celebre signora in giallo, Angela Lansbury, nel 1980 ha avuto l'onore di portare il nome di Miss Marple in Assassinio allo specchio. Tuttavia, i tre volti più noti dell'anziana investigatrice sono quelli di Joan Hickson (12 film), Geraldine McEwan (12 film) e più recentemente Julia McKenzie (11 film). Tutte queste attrici hanno saputo interpretare alla perfezione questo personaggio immortale a cui milioni di fan si sono affezionati nel corso degli anni.




Libri Consigliati:

- Un Delitto avrà luogo: [Recensione] è un classico del canone Marple e, a mio parere, è il romanzo che rappresenta al meglio l'intera serie. Potrà catturarvi!

- L'intera serie dedicata a questa strana investigatrice. Se le avventure di Miss Marple vi incuriosiscono molto, non vi resta che scovare tra le pagine dei 12 romanzi e 20 racconti che la vedono come protagonista. C'è l'imbarazzo della scelta!

- Il Seggio Vacante di J.K.Rowling: [Recensione] non è un giallo non è un thriller. Questo romanzo che ai tempi della pubblicazione fece quasi scandalo, è una sorta di ibrido che, però, con l'ambientazione della piccola e pettegola Pagford deve moltissimo a Miss Marple.


Serie TV Consigliate:

- Miss Marple (2004): la serie più recente con Julia McKenzie vi regalerà sicuramente attimi di puro divertimento. Ovviamente vi consiglio anche le due serie precedenti che vi ho citato sopra.


Nessun commento:

Posta un commento