Passa ai contenuti principali

In primo piano

"The Handmaiden" di Park Chan-wook

Titolo: The Handmaiden
Titolo originale:  아가씨
Un film di Park Chan-wook con Kim Min-hee, Kim Tae-ri, Ha Jung-woo, Cho Jin-woong
Genere: thriller, erotico, drammatico
Durata: 145 min
Ambientazione: Corea del Sud
Anno: 2016
Voto: 4/5
Nella Corea degli anni Trenta occupata dai giapponesi, ogni occasione può diventare la svolta cruciale nella vita di un truffatore qualunque. Una giovane e ingenua ereditiera, Lady Hideko (Kim Min-hee), diventa così l'obiettivo dell'articolato inganno ordito da Sook-he (Kim Tae-ri) e dal conte Fujiwara (Ha Jung-woo). Il piano iniziale basato sull'innamoramento di Hideko tuttavia si complicherà ulteriormente: nuove variabili e sfumature, infatti, entreranno in gioco stravolgendo le dinamiche esistenti.
L'ultimo film del regista coreano Park Chan-wook ha impiegato solo tre anni per raggiungere le sale italiane. Dopo il successo di critica riscosso in occasione della 69esima edizione del Festival di Cannes, si erano perse quasi completamente le tracc…

Tredici [stagione 3]

Tredici 3 - Poster

Titolo: Tredici

Cast: Dylan Minette, Katherine Langford, Christian Navarro, Alisha Boe, Brandon Flynn

Genere: giallo , thriller, teen drama

Stagione: 3

Episodi: 13

Voto: 1,5/5

1 e mezzo

Il suicidio di Hannah Baker (Katherine Langford) ha segnato indissolubilmente le vite di tutti quelli con cui ha condiviso ricordi ed emozioni. Le vicende e i drammi sfiorati di Tyler (Devin Druid) sono il più limpido e critico esempio della pesante eredità della ragazza. A due anni di distanza dall'evento, tuttavia, sensi di colpa e rimorsi affliggono ancora la quotidianità di tutti i giovani della Liberty High School. Emozioni e sensazioni prenderanno turbinosamente il controllo dopo l'ennesimo fatto sconvolgente: la scomparsa di Bryce (Justin Prentice), responsabile dello stupro di Hannah.



La prima stagione di Tredici tratta dall'omonimo romanzo di Jay Asher è stata indubbiamente un caso mediatico, un evento che, con una buona dosa di shock, ha saputo far parlare di sé ben oltre la sua reale qualità. Se, per tutte le sue conseguenze, la prima stagione può essere considerata valida, lo stesso non si può dire del suo diretto seguito, tredici episodi che, pur aggiungendo dettagli alla storia di Hannah, lasciava tanti dubbi, interrogativi fini a loro stessi. Per questo e molte altre ragioni, una terza stagione appariva ben più ardita del più grande azzardo. Ignorando una critica scettica e un pubblico dubbioso, Netflix, tuttavia, ha voluto continuare per la sua strada, riportando sul piccolo schermo gli intrecci confusi delle vite della Liberty High in una terza stagione discutibile sin dal suo trailer.

Prima di proseguire nel discernere tutti i problemi di questi ultimi - forse non proprio ultimi - episodi di Tredici, è importante riconoscere un misero pregio alla produzione. In profondità, dietro a decine di livelli di discutibili qualità e intenzioni, si può infatti apprezzare il desiderio di mettere in scena una prospettiva diversa, un punto di vista, quello di Bryce, in grado di costringere il pubblico a porsi interrogativi morali ed etici. Peccato che tutto questo viene bruciato violentemente in una climax crescente di assurdità e caos che culmina con un finale incoerente e fazioso che non pone domande ma impone risposte di dubbia condivisione.


Se il messaggio machiavellico entra in conflitto con una serie che ha spesso dichiaratamente voluto indicare la giusta strada al pubblico adolescenziale, il resto degli aspetti tecnici e narrativi della storia collassa sotto a script e ambizioni al limite del ridicolo. Autori, cast e produzione, infatti, sembrano totalmente persi in una situazione continuamente appesantita da nuove problematiche e temi. L'introduzione della nuova narratrice, un personaggio comparso letteralmente dal nulla senza contestualizzazione, appare ancora più fastidioso delle espressioni vuote di Dylan Minette. La struttura spudoratamente copiata dai thriller fine anni Novanta e da How to Get Away With Murder funziona per alcuni episodi ma inizia a stancare quando inizia a farsi più caotica. Ogni episodio, infatti, si propone di affrontare una problematica attraverso un personaggio per poi virare bruscamente sulla prospettiva di Bryce e concludere con un cliffhanger su un sospettato. Troppo per delle puntate di appena 50 minuti.

La paura più grande, però, è una: Netflix ha davvero intenzione di preparare una quarta stagione?

Fede Stories.

Segui Stories su FacebookTwitterInstagramTelegram

Commenti

  1. Il romanzo non mi piacque per niente. Non credo proprio che vedrò la serie TV.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il romanzo mi manca ma, dopo tre stagioni della serie TV, dubito gli darò mai una possibilità! :)

      Elimina
  2. prima stagione ok. Seconda interessante e più scorrevole. Questa noia infinita. Sono ancora al terzo episodio (quest'ultimo visto spezzettato perché NOIA NOIA NOIA) e non so se proseguirò. La voce narrante mi urta il sistema nervoso, ma in realtà, esclusi giusto due personaggi (Justin e Alex), per il momento mi stanno tutti antipatici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni personaggio è a dir poco imbarazzante in questa terza stagione. Se, dopo la seconda stagione, qualcuno ancora si salvava, ora l'intero cast è indifendibile!

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.