Passa ai contenuti principali

In primo piano

"The Handmaiden" di Park Chan-wook

Titolo: The Handmaiden
Titolo originale:  아가씨
Un film di Park Chan-wook con Kim Min-hee, Kim Tae-ri, Ha Jung-woo, Cho Jin-woong
Genere: thriller, erotico, drammatico
Durata: 145 min
Ambientazione: Corea del Sud
Anno: 2016
Voto: 4/5
Nella Corea degli anni Trenta occupata dai giapponesi, ogni occasione può diventare la svolta cruciale nella vita di un truffatore qualunque. Una giovane e ingenua ereditiera, Lady Hideko (Kim Min-hee), diventa così l'obiettivo dell'articolato inganno ordito da Sook-he (Kim Tae-ri) e dal conte Fujiwara (Ha Jung-woo). Il piano iniziale basato sull'innamoramento di Hideko tuttavia si complicherà ulteriormente: nuove variabili e sfumature, infatti, entreranno in gioco stravolgendo le dinamiche esistenti.
L'ultimo film del regista coreano Park Chan-wook ha impiegato solo tre anni per raggiungere le sale italiane. Dopo il successo di critica riscosso in occasione della 69esima edizione del Festival di Cannes, si erano perse quasi completamente le tracc…

"E' solo la fine del mondo" di Xavier Dolan

E' solo la fine del mondo - Poster

Titolo: E' solo la fine del mondo

Titolo originale: Juste la fin du monde

Un film di Xavier Dolan con Nathalie Baye, Vincent Cassel, Marion Cotillard, Lea Seydoux, Gaspard Ulliel

Genere: drammatico

Durata: 97 min

Anno: 2016

Voto: 3,5/5

3 e mezzo

Louis (Gaspard Ulliel) è uno scrittore trentenne che, dopo lunghi anni trascorsi lontani da casa, torna in famiglia per rivelare ai suoi cari di essere affetto da una malattia terminale. Il ritorno tra le mura familiari risveglierà in Louis ricordi ed emozioni lontani, riaccendendo anche insolite dinamiche con i fratelli e con la madre. La comunicazione si rivelerà più difficile che mai, portando tutti i personaggi a punti di non ritorno.

E' solo la fine del mondo - Cast
Fonte: Il Fatto Quotidiano
Avvicinarsi a un film come E' solo la fine del mondo non è per niente facile per molteplici ragioni. Questa pellicola arriva nel curriculum di Dolan a brevissima distanza da quel gioiellino di Mommy: difficile superarsi. Cast interamente francese e sensazione che sì, questa volta, si tratterà di un film denso di dialoghi, di discussioni e di dramma. Non si può affrontare tutto questo a cuor leggero. La possibilità e l'inspiegabile consapevolezza che questa storia, però, porterà qualcosa di nuovo, tuttavia, riescono a portare lo spettatore nella casa della famiglia Knipper, al fianco di tre fratelli diversissimi e di una madre premurosa ma a tratti distratta.

Attraverso gli occhi di un protagonista introverso e poco appariscente, si vive l'insolita rimpatriata a casa Knipper. Si incontrano e a tratti si mal sopportano dei familiari spaventati dal ritorno di Louis al punto da riempire situazioni e attimi con dialoghi vuoti, aggressivi ma incredibilmente spenti. Sono allora i silenzi pieni di significato di un ottimo cast i veri punti di forza e di svolta di un film solido che solo in rare occasioni calca troppo la mano. E' tutto un gioco di tentativi ed errori che portano ad una totale incomunicabilità. Forse, però, nessuno dei Knipper è stato davvero capace di trovare un equilibrio nell'esprimersi. Solo Catherine (una misurata Marion Cotillard), infatti, sembra comprendere i timori del protagonista. Servirà, allora, uno splendido crescendo di suoni, colori e immagini - con sequenze generalmente ineccepibili ma a volte fin troppo compiaciute - in una lunga e afosa giornata estiva per riportare il dialogo in questa famiglia.
Fede Stories.

Segui Stories su FacebookTwitterInstagramTelegram

Per saperne di più:

Commenti

  1. Condivido il voto in primis, ma anche il tuo giudizio e le tue parole, film complesso ma nel complesso esauriente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non raggiunge i livelli di Mommy ma sa bene come centrare dritto l'obiettivo! :)

      Elimina

Posta un commento

Le immagini e la musica pubblicate su questo blog sono copyright delle case editrici, degli autori e delle agenzie che ne detengono i diritti. Pertanto la loro pubblicazione totale o parziale non intende violare alcun copyright e non avviene a scopo lucro. Qualora i rispettivi Autori si sentano lesi nei proprio diritti, sono pregati di contattarmi e in seguito provvederò a rimuovere il materiale in questione.

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.