martedì 13 marzo 2018

"Mute" di Duncan Jones

Mute

Titolo: Mute

Un film di Duncan Jones con Alexander Skarsgard, Paul Rudd, Justin Theroux, Seyneb Saleh, Robert Sheehan

Genere: fantascienza, thriller

Durata: 126 min

Anno: 2018

Voto: 1,5/5

1 e mezzo

In una Berlino del futuro, cupa e tutt'altro che rassicurante, vive Leo (Alexander Skarsgard), un giovane rimasto muto a causa di un incidente di cui è rimasto vittima in tenera età. La sua modesta esistenza scorre senza troppe intoppi scandita da notti caotiche dietro il bancone di un night club e silenziose giornate alle prese con lavoretti da falegname. La sua luce in una vita che gli ha riservato poche fortune è Naadirah (Seyneb Saleh), fidanzata e collega. La ragazza, però, scompare nel nulla all'improvviso. Leo, privo di saldi riferimenti, si addentrerà così in un mondo nascosto popolato da personaggi sopra le righe e ambigui ceffi dalle indecifrabili ambizioni come la coppia di improbabile medici Cactus (Paul Rudd) e Duck (Justin Theroux).

Il mondo di Mute
Fonte: CGMagazine
Non gli servono parole. Effettivamente, Duncan Jones non ha bisogno di lunghe presentazioni: il curriculum del primogenito di David Bowie parla da solo con quel gioiellino di Moon e il poco considerato ma brillante Source Code. Nemmeno il fragoroso flop di Warcraft ha spento l'ammirazione che la sottoscritta nutre per il regista britannico così appassionante e appassionato. Il cinema di Jones è sempre sembrato il frutto, in primis, di un grande amore per il cinema vissuto, soprattutto, come spettatore. Proprio per questo, con poche sequenze, riesce ad instaurare un legame unico con il pubblico. Mute, la sua ultima creatura cinematica, con quell'atmosfera à la Blade Runner e quegli omaggi nemmeno troppo velati, sembrava avere tutte le carte in regola per superare ogni più rosea ambizione.

Hey! Guarda: hai visto come tutto si intreccia? Hai visto quante storie sono state architettate per distrarti dal vero obiettivo? No, non è in corso una crisi d'identità. Queste domande sono il vero leitmotiv dell'intera storia, sono interrogativi assordanti ma, soprattutto, irritanti. Sì, Mute è un puzzle splendido nel suo insieme, con attori in ottima forma e una confezione a livello tecnico che lascia senza parole - okay, questa era bruttina. Il problema, ingombrante e sempre più intollerabile nel suo fagocitare ogni altro aspetto, è una palpabile pretenziosità nel presentare ogni tessera dell'enigma che diventa un rompicapo autodistruttivo. Manca una consapevolezza, un desiderio di narrare con limpidezza l'intrigo che, di conseguenza, diventa semplicemente un thriller confuso incapace di comprendere le proprie priorità. E niente è più letale di questo in casi come questi che si rifanno alla mitologia distopica-futuristica di Dick contaminata fortemente da una componente investigativa.

La delusione è cocente e sarà difficile superarla: questo film poteva e doveva essere molto di più. Confuso, inconcludente e, in alcuni passaggi, prevedibile non lascia niente a visione conclusa tranne un fastidioso retrogusto tutt'altro che originale.

Fede Stories.
Per saperne di più:

7 commenti:

  1. Concordo in pieno, poteva essere un film molto migliore, era legittimo aspettarsi un po' di più da Duncan Jones, è più bravo di così. Cheers

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspettative altissime per un deludentissimo lavoro di Duncan Jones anche se già con Warcraft aveva dato segni di incertezza. Che gran peccato! :(

      Elimina
  2. Proprio l'altro giorno stavo leggendo delle recensioni tiepide... Penso che lo salterò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Difficile capire se la recente ondata di film e serie tv di questo genere ha penalizzato la visione: l'abbuffata degli ultimi mesi potrebbe aver stancato il pubblico. Non credo però si tratti solo di questo. Il film poteva essere molto, molto di più! :(

      Elimina
  3. Mannaggia a quanto pare un disastro proprio. Non che Netflix in questo caso mi ispirasse particolarmente ma un disastro del genere faticavo ad aspettarmelo soprattutto da DUncan Jones.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh già! Ai titoli di coda ero imbalsamata, completamente incapace di realizzare quanto avevo appena finito di vedere. Netflix conferma di avere qualche problemino con i suoi film!

      Elimina
  4. Mi ispira, se non altro per il regista e il cast!

    RispondiElimina