venerdì 15 gennaio 2016

"La grande scommessa" di Adam McKay

La grande scommessa
Titolo: La grande scommessa

Titolo originale: The Big Short

Un film di Adam McKay con Christian Bale, Steve Carell, Ryan Gosling, Brad Pitt, Melissa Leo, Finn Wittrock

Genere: biografico, drammatico, commedia

Durata: 130 min

Ambientazione: Stati Uniti

Anno: 2015

Voto: 5/5

"Se non puoi battere le banche, fagliela pagare!"

5


- Al 3° posto della Top 10 Movies del 2016 -

Un cast all-star completamente maschile porta sul grande schermo un pezzo di storia recente che influenza tuttora la nostra quotidianità.
L'insolita regia di Adam McKay accompagna il pubblico attraverso il labirinto dell'economia statunitense all'alba della crisi finanziaria scoppiata nel 2007. Mutui subprime, credit default, swap, CDO, rating.. questi sono solo alcuni nomi dei temibili ostacoli che popolano questo strano e controverso universo finanziario. E' possibile che, considerato il trailer - forse, un po' confuso - molti spettatori siano rimasti traumatizzati davanti alla prospettiva di armarsi di tomi di economia per tradurre il linguaggio di questa pellicola.
Perché, quindi andare al cinema e scegliere La grande scommessa?

Ironicamente, nessuno ma proprio nessuno avrebbe scommesso su La grande scommessa, un film che si preannunciava pieno di paroloni economici e situazioni incomprensibili. Insomma, un esame di economia, o pseudo tale, all'università mi era più che bastato. Nemmeno i grandi nomi che comparivano sul poster mi convincevano completamente. Nonostante tutto, con grande coraggio, ho affrontato questa visione. Perché? Qualcosa di imprecisato mi suggeriva di farlo.

Se pensate che questa pellicola non sia fatta per voi, beh.. in qualche modo cambierete idea! Ci potete scommettere!

I protagonisti del film

Ora vi sconvolgerò: questo film è geniale, è esattamente quello che non ti aspetti dal regista e sceneggiatore della maggior parte dei film di Will Ferrell. Per un paio d'ore, Christian Bale, Ryan Gosling, uno strepitoso Steve Carrell in formissima e qualche volta un insolito Brad Pitt diventano esperti della finanza, capaci di comprendere, con anni di anticipo, e sfruttare l'andamento del mercato immobiliare americano. I paroloni non mancano ma - non temete! - tutto verrà spiegato in maniera semplice e divertente. Proprio questo è il punto forte di questa visione: rendere spassoso e 'figo' qualcosa che normalmente potrebbe essere la causa di migliaia di sbadigli. No, 'figo' non è rivolto a mr. Gosling bensì a tutto. A discorsi rivolti direttamente alla telecamera, a ritmi incalzanti ma mai caotici, ad un ottimo gruppo, ad una storia vera raccontata indubbiamente bene e ad espedienti simpatici - e musicali - nei passaggi più complessi: i cameo di Margo Robbie, Selena Gomez e dello chef Anthony Bourdain verranno ricordati per un po'!

Inutile dire che l'adorato Bale non delude le aspettative, regalando ancora una volta una performance memorabile nei panni di Michael Burry, la vera mente di questa operazione. Devo, però, ammettere che l'attore che più mi ha stupito è Steve Carrell. Certo, ultimamente si concentra su film più 'impegnati', non è una novità, ma... cappero, grandissimo!
Il nome di McKay nella rosa dei candidati all'Oscar per la miglior regia potrà sembrare un po' fuori luogo. Invece no! E' proprio il suo sguardo brioso e frizzante a rendere tale la visione!

Michael e gli altri astuti protagonisti hanno intuito ciò che sarebbe accaduto. Il film offre interessanti spunti di riflessione sulla crisi e sul comportamento, ambiguo, del gruppo di 'furbetti'. Gli ultimi anni hanno confermato le loro previsioni.

Scommetto che rimarrete stupiti da questo film. Dite che vincerò?


Oscar 2016

Migliore sceneggiatura non originale


Trailer:



Fede Stories.

10 commenti:

  1. È vero. Dal trailer non ispira molto, ma i pareri positivi che ultimamente ho letto e la candidatura agli oscar mi stanno incuriosendo parecchio!

    RispondiElimina
  2. Questa è la prima recensione del film che leggo. Come ogni anno cercherò di guardare più pellicole possibili tra quelle in lizza per gli Oscar, in modo da farmi un'idea generale. La grande scommessa era quello che mi attirava di meno, ma questa tua opinione mi ha decisamente incuriosita e gli darò sicuramente una possibilità!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io, inizialmente, pensavo questo. Forse solo Il caso Spotlight mi interessava di meno. Eppure... forse il titolo giusto è "La grande sorpresa"!

      Elimina
  3. Io su questo film avrei scommesso anche prima di vederlo, e avrei vinto un bel po' di soldini. Peccato non l'abbia fatto... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cavoli! Avrebbero potuto fare un film: "La scommessa su La grande scommessa" ;D

      Elimina
  4. L'ho visto ieri sera al cinema. Devo dire che mi ha colpita molto, ma non subito. Si è sedimentato durante la notte e questa mattina mi sono detta: grande film! Io gli assegnerei montaggio e forse anche regia, ma non mi esprimo ancora definitivamente perchè devo vedere gli altri :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicissima che ti sia piaciuto! Concordo sul premio per montaggio, per il resto bisogna attendere ancora qualche recupero :)

      Elimina
  5. Ciao! Questo film andrò in settimana a vederlo al cinema ed ho molte aspettative! Essendo una neo economista e avendo studiato approfonditamente il tema, mi aspetto molto =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da grandi aspettative.... secondo me derivano grandi soddisfazioni ;)

      Elimina