venerdì 24 aprile 2015

Assaggi di Cinema #13 "La Frode" - "Blackhat"

Buonasera carissimi lettori!

E' tornata la rubrica Assaggi di Cinema giunta ormai alla sua tredicesima puntata. Quali sono le portate del menù? Facile: mini-recensioni di film più o meno nuovi. Oggi, infatti, vi parlo anche di una pellicola da poco uscita al cinema che.... beh, se volete sapere cosa ne penso leggete qua sotto!

La Frode (2012) di Nicholas Jarecki con Richard Gere, Susan Sarandon, Tim Roth


A giudicare dal trailer questo poteva essere un film molto interessante, un lavoro capace di lasciare il segno per molto tempo.
Come è andata a finire?
Richard Gere, sarò una voce fuori dal coro ma.... Questo attore, insomma non mi fa impazzire. Solo in Pretty Woman sono riuscita ad apprezzarlo. Straordinariamente in questa pellicola mi ha convinto, mi è piaciuto: probabilmetne questa è una delle sue interpretazioni migliori degli ultimi anni nei panni di un miliardario di successo senza scrupoli. 
Anche Tim Roth, il detective incaricato di indagare sul ritrovamento del cadavere di una giovane donna che ha molti legami con il protagonista, regala buoni momenti insieme ad un'insolita ed interessante interpretazione. Tuttavia, personalmente ho trovato molto lenta la prima parte della visione: la storia fatica ad ingranare le marce e solo avvicinandosi raggiunge un ritmo incalzante degno di un thriller di questo tipo.

Un film che, nonostante qualche piccolo neo, consiglio a tutti!

Genere: thriller, drammatico

Voto: 3,5/5


Trailer:



Blackhat (2015) di Michael Mann con Chris Hemsworth, Viola Davis

L'ultimo lavoro del regista di Heat sembrava essere tra i titoli più promettenti della stagione: il nutrito gruppo di fan del cineasta aspettava un nuovo capolavoro da anni. L'attesa è stata ripagata?
Più che un capolavoro è stato una fatica. Sì, per ogni povero spettatore che ha avuto la forza di affrontare due ore di questa portata! Ogni spunto interessante, a quanto pare, si è perso nel rocambolesco viaggio virtuale all'interno dei circuiti elettrici che dominano - e conquistano - visivamente la scena di apertura.
Questa pellicola poteva essere un ottimo trampolino di lancio per Chris Hemsworth, un attore la cui carriera è strettamente legata a prodotti cinematografici meno impegnativi, di puro intrattenimento come Avengers. Niente, non ce l'ha fatta.
L'australiano interpreta un hacker che viene coinvolto in uno strano caso di attacchi informatici ad impianti industriali giapponesi. Tutti gli ingredienti per un ottimo thriller c'erano ma... nemmeno la - solitamente - strabiliante Viola Davis è riuscita a regalare un'interpretazione brillante, apparendo invece svogliata per buona parte della visione. Proprio quest'ultima risulta, quindi, confusa e deludente.
Veramente ci sono voluti quasi cinque anni per... questo? Forse alcune scene sono state cambiate da un misterioso complotto hacker, almeno spero!

Genere: thriller

Voto: 2/5


Trailer:

2 commenti:

  1. Great blog♥

    How about follow each other?
    I follow your blog. Waiting for you♥
    My Blog: http://juliemcqueen.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Ciao, alla fine sono riuscita a passare da te ;)
    "La frode" l'ho vista quache tempo fa in tv, mi era piaciuto un po', ma... mi sono addormentata sul divano, tanto per spiegare quanto mi era piaciuto. Mi aveva dato l'impressioine di non essere un thriller, tanto che quando le cose si sono fatte più serie avevo pure cominciato a mangiarmi un po' le unghie, ma subito dopo ho dato per scontato che se la sarebbe cavata e ho abbracciato il cuscino.
    Davvero, dal trailer sembra più figo di quanto sia realmente.

    RispondiElimina